lunedì 29 dicembre 2008

Mi dai il tuo numero di blog?

Ieri sera mi aggiravo nella disabitata notte napoletana per smaltire le gozzoviglie natalizie quando mi imbatto in un altro tizio che vaga alla mia stessa maniera, probabilmente per la mia stessa ragione. Sorpresa: lo conosco. E' un mio vecchio amico di scuola. Ancora tu, non mi sorprende, lo sai. E come stai? Domanda inutile, stai come me, e ci scappa da ridere. In pochi minuti siamo già ai ricordi di scuola in salsa mogol-battistiana. Hai visto più tizio? E indovina cosa è finito a fare caio. Un amico si è sposato da poco, un altro è morto tragicamente, qualcuno è impazzito su Facebook, c'è chi ha divorziato e chi è emigrato, di qualche altro si sono perse le tracce.

Si parla delle solite cose. Siamo due tipi strani, io e il mio vecchio compagno incrociato nella notte napoletana. Io scrivo post sul blog e lascio commenti in giro che cominciano per Ehilà o per Ullallà e al mio amico piace tanto suonare che si è comprato una tromba e se la suona quando è solo a casa (presumo che lo faccia quando è solo perché negli altri momenti qualcuno avrebbe da ridire sulla sua passione musicale). Alla fine viene il momento di lasciarci. Mi spiace allontanarmi da lui con la prospettiva di ritrovarlo magari dopo un decennio in un'altra spopolata notte napoletana. Devo assolutamente mantenere i contatti. Gli do l'indirizzo del mio blog, mi può trovare lì se vuole; gli spiego che c'è pure la mia mail e magari possiamo scambiarci qualche messaggio di tanto in tanto, soprattutto se suona un po' meno la tromba e si fa installare l'adsl come tutti gli sventurati di questo Paese. Lo saluto con la certezza di aver fatto tutto il mio dovere di antico amico.

Solo qualche ora dopo a casa mia, mentre mi rivedevo una vecchia puntata del dottor House in televisione, ho pensato che se vuoi mantenere i legami con un vecchio amico non gli dai l'indirizzo del tuo blog, ma il numero di cellulare. Non mi era proprio passato per la testa il cellulare, lo uso di rado ed è un secolo che non mi capita di dare il mio numero a qualcuno. Non sono allenato a darlo, in un certo senso. Spero che il mio amico, se dovesse capitare in queste lande virtuali e leggere queste note, si faccia una risata e perdoni il mio riflesso condizionato da blogger veterano di mille battaglie virtuali. Se mi scrive una mail, stavolta riceverà il mio numero di telefono e non quello del blog. :-)

26 commenti:

  1. "deformazione personale" verrebbe da pensare,però è proprio sintomo di questi tempi in cui il semplice cell è superato da più potenti mezzi di comunicazione...mi hai fatto sorridere,e chissà se il tuo amico suonatore di tromba (mi viene in mente il suonatore Jones di De Andrè)non abbia messo su you tube qualche sua performance...:))

    RispondiElimina
  2. Piccolo annuncio senza importanza. Sarò assente per qualche giorno, dato che è in arrivo Cleide nella Città d''o Sole (per l'occasione brumosa come una Londra vittoriana). Un saluto a tutti gli amici e ci sentiamo presto. :-)

    RispondiElimina
  3. E' capitato anche a me di dare l' indirizzo del blog, ma solo perché la mia ex compagna di classe era curiosa di leggere le mie amenità.
    In ogni caso preferisco dare l' indirizzo messenger :P
    (Il numero di telefono, lo do solo su esplicita richiesta: più o meno)

    Ciao e buon divertimento ^^

    RispondiElimina
  4. .. io vi saluto tutti, vi abbraccio e ci vediamo l'anno prossimo!!!! Vado in sardegna dai suoceri!! E speriamo che non piova!!!!

    RispondiElimina
  5. Anch'io ho incontrato giorni fa un caro vecchio amico, tu almeno gli hai dato l'indirizzo del blog, io nemmeno quello. Ci siamo salutati e basta, solo dopo ho pensato che sarebbe stato difficile ritrovarci con più calma come ci vevamo promesso. Un caro saluto

    RispondiElimina
  6. ma vedi capitano, sono da questo punto di vista parecchio integralista, insomma, un caro amico probabilmente avrebbe da tempo il tuo numero, o quantomeno si sarebbe fatto vivo per una qualche ragione come sempre capita. quando ci si perde di vista per così tanto tempo, la parola amico viene a scemare, diventa solo un modo sbrigativo per definire un ben più preciso "conoscente". In ogni modo, non è detto che da questo blog, possa ri-nascere una vera amicizia.

    RispondiElimina
  7. segno dei tempi
    il cell è già obsoleto, ormai ci sono i blog e facebook
    in ogni caso, se il tuo amico passa di qua non potrà che essere orgoglioso di questo piccolo grande spazio che hai creato nella rete

    RispondiElimina
  8. ...ho fatto passi sorridenti nei giorni scorsi...mi sono coperto di fiocchi di neve che ho tinto di bei colori...sto per lasciare il battello del vecchio anno...e mi appresto a salpare nell'oceano del Nuovo Anno, con la speranza di navigare su un veliero molto, ma molto sicuro...TUTTI A BORDO e BUON ANNO…cin…cin
    baronerosso1

    RispondiElimina
  9. Emiliano Zappata Dyer30 dicembre 2008 00:36

    C'è Cleide, ho capito bene? Salutamela!
    Tu la vedi dal punto di vista dell'abitudine, io che sono il più tirchio la vedo dal punto di vista che il cellulare COSTA!

    RispondiElimina
  10. ciao francesco.....ho votato il tuo libro varie volte....ho riaperto il blog......scrivimi quando vuoi sulla posta.ti aspetto aleggermi ancora.baci .sabrina

    RispondiElimina
  11. Ohibo', sior capitano, quando mi darete il vostro numero di cellulare cosicché io vi possa importunare nelle notti di luna nuova?

    RispondiElimina
  12. Probabilmente avrei fatto lo stesso; anche perchè il numero del mio cell. non lo ricordo mai (e infatti non mi chiamo mai) :-D
    Buon anno nuovo Cap.

    RispondiElimina
  13. quando,dopo 2, 3 e più più mesi, dopo aver rintracciato su pagine bianche il numero di telefono (c'è anche il fisso oltre al cell e al blog!) si telefona a qualcuno della compagnia di un tempo (capita a noi vecchietti pensionati), fa un poco sorpresa e incuriosisce il messaggio dalla segreteria <...al momento non sono presente...). Stuzzicato, allarghi la ricerca con il giro di telefonate. Meglio fermarsi; perchè talvolta scopri che sola è rimasta la segreteria che parla, con la voce dell'amico, che ormai, da poco è partito. E bastava una telefonata in più: perciò è sempre meglio dare anche il cell oltre al blog.Allegria!! Bollicine e BUON ANNO, Capitano (anche a Cleide!!!)- (Bollicine...ricordo il profumo e il gusto di un vino ...altro che bollicine!, lo avevamo fatto con mio fratello e mio padre, e, ovvio con tutta la famiglia; lo sorseggiavamo mentre si giocava alla grande tavolata, ascoltando racconti antichi, (avendolo portato a Milano) e altre volte, invce,tra i monti, guardando al buio luci e fuochi in fondo, lontano a valle). Auguri! da Giovanni

    RispondiElimina
  14. Carissimo capitano io penso che il tuo agire sia stato molto più profondo e sincero di quanto ti possa apparire. Dandogli il tuo indirizzo di blog hai cercato inconsciamente di dargli di più di un freddo numero di telefono, gli hai dato una parte di te stesso, gli hai dato la possibilità di partecipare di più alla tua vita perchè un blogger, parte della sua vita la mette sul blog. Il numero di telefono è certamente un contatto, ma è anche impegnativo e sicuramente può essere momentaneo, il blog invece è una vita che continua che va al di là del tempo, ad esso si può accedere anche se non si ha la forza di una telefonata! Quindi non crucciarti per la tua disattenzione, certamente gli hai dato molto di più di una opportunità!

    Carissimi auguri per il tuo vivere in questo nuovo anno ed per il vostro vivere (Cleide), che ti prego di salutarmi tanto, anche se spero di riuscire a passare da lei personalmente.

    Ciao.

    berardo

    RispondiElimina
  15. Volevo lasciare un augurio di la,ma siccome so è qui ne approfitto e ne lascio due.
    Auguri auguri di buon anno
    Roberto

    RispondiElimina
  16. Bè, però leggendoti si riaggiornerà un po'su di te, no? auguri!

    RispondiElimina
  17. buon anno capitano, ne abbiamo tutti un gran bisogno. :)

    RispondiElimina
  18. Ciao Capitano...saluta Cleide,ringraziala passatevela bene,e occhio al fuoco!!!
    Buon Anno:))

    RispondiElimina
  19. Pure io ieri con un mio collega napoletano che se ne andra' a lavorare a Roma ci siamo scambiati le e-mail...in un certo senso sto cellulare ha rotto le balle ce lo portiamo pure al cesso. Io direi w internet piuttosto.
    BUON 2009 capitano.

    RispondiElimina
  20. Eheheheheh... è successo anche a me!
    Mille auguri di buon anno!
    un forte abbraccio, Noemi

    RispondiElimina
  21. Beh il cellulare ha un vantaggio. Dialoghi direttamente, senti la voce della persona e non hai un rapporto virtuale al di là della tastiera. Penso che soprattutto quando hai stima e simpatia per una persona ti fa piacere sentirla e magari poi, se esiste l'occasione, conoscerla, no?

    Buon Anno ancora Nostro Capitano :-)))
    Daniele

    RispondiElimina
  22. ehilà Capy! ^^

    buon anno! scusa se non sono passata prima da queste parti ma come al solito ho un casino di cose da fare... comunque spero che il 2009 sia ricco di tante belle cose per te ed i tuoi più cari!

    poi per quanto riguarda l'articolo io dò entrambi: cellulare e indirizzi di blog (sai ne ho due)... e se sono in Italia ne dò anche il numero di cellulare italiano... ;)

    salutami la Cleide, un forte abbraccio.
    Tali

    RispondiElimina
  23. Beh, però il tel te lo poteva dare pure lui no?

    Invece il blog è meno compromettente. magari si inizia con qualche scambio di commenti e si finisce a cena insieme come ai vecchi tempi. :-)

    Buon 2009 MioCap. ;-)

    RispondiElimina
  24. Carissimo MioCapitano,
    Ti chiedo umilmente scusa per questo mio dire per chè vorrei anch'io parlare di un mio personale romanzo, ma di natura diversa dall'ordinario perchè parla di dolore, di consapevolezza e di visione.

    Se non oso molto vorrei trasmetterti le mie Sgrammaticate ed Inarticolate Riflessioni nate dal cuore di un padre che nel dramma del suo indefinibile dolore ha riscoperto l'immenso amore.

    Affettuosamente
    Raffaele
    Raffaele.zacca@yahoo.it

    RispondiElimina