domenica 8 gennaio 2012

Le poppe di Poppy e la principessa Deché

Le poppe di Poppy. C’è una signora in Inghilterra, Sarah Burge, che a Natale ha regalato un buono di 7 mila sterline alla figlia di 7 anni (che lo si creda o no si chiama Poppy) per rifarsi il seno quando di anni ne avrà 16: in poche parole vuole rifare le poppe a Poppy. La famigerata Sarah si è fatta oltre 100 operazioni di chirurgia estetica, con una spesa vicina al milione di euro, per assomigliare il più possibile alla bambola Barbie e pare che ci sia riuscita. Pare inoltre che voglia ottenere lo stesso risultato con la figlia Poppy e che la figlia sia lietissima di compiacerla. Cioè oltre a pompare le poppe a Poppy le impippa di rimpolparle il popò e magari anche la pupù.
Domanda: come è possibile che una donna così cretina abbia tanti soldi da buttare in costosi regali cretini alla figlia col nome cretino? Per fortuna gli Stati hanno un istituto misericordioso che si chiama espropriazione. E allora ecco qui la soluzione. Si espropri la Barbie inglese di tutti i suoi beni in modo che nessuno pappi sulle poppe di Poppy. E scappi, Poppy, dalle troppe poppe che sono ceppi e cappi alla sua natura di donna. Non scoppi, Poppy, di coppe, ma la si dia in adozione a una famiglia di tagliapoppe, cioè di tagliapippe, volevo dire di taglialegna del Montana dediti allo sfruttamento del lavoro minorile. Naturalmente si faccia lavorare tra i taglialegna pure la madre Barbie, alleggerita, si sa, di poppe, di coppe, di pacche e delle troppe gnocche in cui si è identificata. E per il papy pappa di Poppy vedremo.

La principessa Deché. L’altro giorno al telegiornale ho visto l’onnipresente Kate Middleton che presenziava a una cerimonia di beneficenza o a un galà, che tanto sono la stessa cosa per lei. Si vedeva la duchessa, la principessa o quello che è che ascoltava benigna un ragazzo di colore che lavorava in una struttura sociale. A me veniva di ridere: c’era una normalissima ragazza, di quelle un po’ figlie di buona donna che puoi incontrare in discoteca o in strada e che ti mostrano un po’ di cosce se cosi gli dice, le avevano detto che era una principessa e lei ci aveva creduto. Le avevano detto di muoversi piano e con solennità perché così facevano le principesse e lei ci aveva creduto e lo aveva fatto ed era sicura di muoversi e sorridere come una principessa. Anche al ragazzo di colore avevano detto che Kate era una principessa e anche lui ci aveva creduto, giacché parlava a disagio come se si rivolgesse a un grande della terra e non a una ragazza che puoi incontrare in discoteca, una esattamente come te. Anche al resto del mondo che vedeva quello e altri telegiornali avevano detto che quella era una principessa e anche il resto del mondo ci aveva creduto, almeno in gran parte. Guardando la curiosa ragazza da discoteca che si muoveva e sorrideva come una principessa, mi sono detto: “Ma principessa de che?...”

Un bacio a Carmela. Una paio di sere fa sono a san Giorgio a Cremano, Napoli. Strade deserte, aria di fine festa. Ci sono due ragazzine popolane che camminano e si guardano in giro come in cerca di ragazzini come loro alla deriva nella desolazione finefestiva. Una delle due a un tratto si ferma in mezzo alla strada e dice all’amica in dialetto: “Carme’, ti vuoi muovere?”. Mi si forma un sorriso sulle labbra guardandola. “Ti darei un bacio”, le avrei quasi detto. “Solo perché ho chiamato la mia amica Carmela?”, avrebbe potuto dire lei. “Perché la tua amica si chiama Carmela e perché tu forse ti chiami Annuccella o Assuntina”, avrei potuto concludere io.

17 commenti:

  1. Sai, avevo letto pure io di questa bambina che ha il buono per rifarsi le tette, almeno quando le cresceranno. Situazione davvero avvilente. E' anche piuttosto avvilente il fatto che si chiami Poppy, non lo sapevo. Sulla principessa Deché siamo sulle stesse corde. Ora mi viene in mente che la sorella della principessa Deché si chiama Pippa. E devo osservare che Pippa di poppe ne ha più di Poppy, forse ha già speso il suo buono. :-)

    RispondiElimina
  2. Cleide, Pippa ha più poppe di Poppy, è vero, ma la mamy di Poppy, per la Peppa, ha più poppe di Pippa, se a qualcuno impippa.
    Un saluto agli amici.

    RispondiElimina
  3. Non se ne può più di Poppe ostentate che siano di Pippa o quelle del futuro di Poppy è uguale.
    E secondo me impippa a molti l'argomento poppe che siano di Peppa o di Poppy e di Pippa, prima e dopo Poppea gli uomini guardano le poppe da sempre. Per fortuna ci sono anche gli uomini intelligenti che distinguono una poppa "silicon valley" da una vera. Anche se a guardar per strada, tutte sembrano portatrici di poppe enormi, sarà il ferretto, sarà il reggiseno, saranno "i pesciolini" di gomma piuma che si mettono all'interno delle coppe per le poppe, sarà che per fortuna c'è sempre il rovescio della medaglia. Alla fine sotto le lenzuola la forza di gravità da giustizia alla poppa. Quelle vere si adagiano quelle finte si innalzano al cielo.
    Al tatto l'ardua sentenza.
    saluti in piedi dall'isola, ho la lombosciatalgia e se mi siedo so' cazzi. :)
    Basitteddu capitano.

    RispondiElimina
  4. Ciao a Celia, sempre ospite d'onore su questo blog. Rifacendomi alle tue acute osservazioni, devo confessare che non so cosa significhi palpare una poppa al silicone. Mi pare una cosa lievemente stupida eccitarsi palpando una sacca di similplastica (che potrebbe essere perfino cancerogena), ma se tante donne ricorrono all'aiutino artificiale (per fortuna ce ne sono tantissime che non lo fanno, per convinzione o perché non hanno la madre Barbie sopra descritta) qualche ragione ci sarà.
    Mi spiace molto per la tua lombosciatalgia, però sono contento di risentirti. Basitteddu anche per te.

    RispondiElimina
  5. CASSANDRO

    Come al solito piacevole assai la lettura del tuo post, cap!

    Posso dirti che dall’inizio alla fine della prima parte, quasi da poppa a prua cioè, sei andato col vento in poppa, superando perfino la maniera di scrivere di Karl Raimund Popper.

    Se gradisci, per restare in tema e rifarci un poco la bocca con la fantasia, abbandonando per un momento l'immagine delle false poppe di Poppy, ecco qualcosa sui . . .

    SENI BELLI

    Càspita se ci sono i seni belli,
    morbidi e tosti allo sguardo acuto
    dei maschi che non fan come i fringuelli
    . . . sbirciano e vanno via in un minuto . . .

    ma che non si vergognano a sguardare
    quello che viene esposto per delizia,
    per estrema bontà, in riva al mare,
    d’estate (e pure spesso per malizia),

    . . . e solo quanto basta, e non di più,
    perché l’uomo ritorni un po’ bambino
    quando viveva morbido, e lì su
    s’inebriava come ora col vino!

    Eh sì . . . ci stanno pur quelli cadenti,
    e mosci, di donnone ora al finire
    di un’avvenenza che a guardare stenti
    a creder che ci fu. Fanno gioire

    perciò quelle di prima . . . ah, che fortuna! . . .
    che per giovane età e per bontà
    . . . come dicevo su . . . fanno alla luna
    invidia, e sospirare all’uomo “Ahhhh!…”


    Grazie perciò, amiche mie, di tanto . . .
    con voi non brilla qui il sole soltanto.

    Una preghiera se io posso osare:
    non ve lo fate mai ritoccare,

    voi non sapete quanto per noi vale
    esso, piccolo o grande, al naturale!

    (Cassandro)

    il

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehilà, hanno inserito pure qui la possibilità di rispondere dentro il commento e lo faccio subito facendo i complimenti a Cassandro per i suoi versi sul seno delle donne che, se posso osare pure io, è come una giornata di sole.

      Elimina
  6. CASSANDRO

    Allora siamo veramente fortunati: "Chist' è 'o paese d' o' soooole . . ."

    RispondiElimina
  7. Non avevo la minima idea di come fossero le poppe di Pippa, ho dovuto cercare una foto su google.
    Di solito si parla del popò di Pippa non delle sue poppe, sul suo popò niente da dire, sulle sue poppe, ne ho viste di migliori.
    Post molto divertente e nello stesso tempo deprimente, mi riferisco alla mamma senza cervello, che per il futuro della propria bambina “Poppy” pensa che sia più importante avere delle poppe invece, che ne so, un fondo per gli studi universitari, che dire? Chissà se a breve, farà anche un trapianto di cervello e buon senso, ne ha veramente bisogno.
    P.S. mandarla in mezzo ai taglialegna è troppo poco, una così meriterebbe di spalare merda in qualche porcile, per il resto della vita.
    Un saluto :-)

    laracchia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata pure a te, laracchia, di Poppy e della mamma abbiamo detto, non ci resta che dire di Pippa, vista oggi al telegiornale insieme all'onnipresente Kate. Visto anche Fabrizio Corona, abbronzatissimo, azzimatissimo in un vestito firmato, intervistato in ginocchio da una giornalista adorante di Italia 1 su un presunto malore di Belen che le ha impedito di sfilare alla galleria Pitti, dove il nostro Fabrizio dispensava regale, abbronzatissimo, elegantissimo, benestantissimo e anche contentissimo, comunicati alla giornalista adorante.
      Ci deve essere qualcosa che mi sfugge: scusate Corona non aveva preso ben due condanne (di cui almeno una confermata in Cassazione) per la storia dei ricatti fotografici ai Vip? Che diavolo bisogna fare per vedere questo esimio e stimato ricattatatore scontare qualche mesetto di galera invece che spadroneggiare tra la televisione e le vacanze a Honolulu?

      Elimina
  8. Corona a differenza di Lele Mora ha visto troppo e bene!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corona ha visto bene e soprattutto vive bene dopo aver ricevuto varie condanne, noi che di condanne e processi nemmeno l'ombra dobbiamo fare i salti mortali per tenerci a galla. Sorriso.

      Elimina
  9. CASSANDRO

    Caro cap, la prima parte del tuo post sta avendo grande successo anche perché fra l’altro, è stato molto gradito, credo, lo scioglilingua che vi aleggiava, per cui ci si è scatenati fra le poppe di Pippa e le poppe di Poppy, come a dire che la seconda parte del tuo articolo è stato quasi snobbato, al pari dello snobbamento della tua Principessa Dechè nell’ascoltare “benigna un ragazzo di colore che lavorava in una struttura sociale”

    Per non lasciare quindi cadere nel vuoto la tua acuta analisi (ripresa solo per inciso da Cleide), eccomi ancora una volta, se non disturbo, con qualche mia considerazione sul comportamento della detta nobile principessa.

    Secondo me, tutto ha un costo nella vita, Cap, e quindi quella cui “avevano detto che era una principessa e lei ci aveva creduto . . . di muoversi piano e con solennità perché così facevano le principesse e lei ci aveva creduto e lo aveva fatto ed era sicura di muoversi e sorridere come una principessa . . .” in realtà. volente o nolente, ha pagato, forse tristemente, i privilegi e i ruoli in società, i quali pur, o meglio sicuramente, tanta invidia destano in chi si chiama “Carmela o Annuccella o Assuntina”.

    Non credo che vorrai mica mettere a raffronto i grandi piaceri di chi in giovane età, veniamo al maschile,

    calciava per la strada un pallone sdrucito, si arrampicava sugli alberi per raccogliere i gelsi, nuotava nudo nel mare di scoglio, beveva a garganella d’estate la fresca acqua delle fontanelle disseminate lungo la via o mangiava le patate bollite calde calde comprate a bordo marciapiede lungo i vicoli della sua città, giocava d’estate fino a tarda notte con i suoi amichetti a “guardie e ladri” o “acchiappa-acchiappa” o ai “quattro cantoni”,

    con la vita che di solito, in vista di futuri ipotetici privilegi e ruoli, viene costretto a fare . . . . . .

    IL BIMBO NOBILE

    Il bimbo nobile nel suo giardino
    scorrazza solo sulla bicicletta
    in mezzo a violette e biancospino
    dal giardiniere allineati . . . getta

    dopo un po’ la palla contro il muro,
    l’acchiappa e la calcia assai lontano,
    e poi la va a riprendere. E’ duro,
    credo, far ciò da solo . . . la sua mano,

    pulita e ben curata, ahilui, non stringe
    quella di altri bimbi che a quest’ora
    giocano ai “giardinetti”, e non cinge
    fingendo di mandarlo alla malora

    il braccio suo al collo di un compagno
    col quale “a lotta” fa solo perchè
    prova le mosse lui dell’Uomo Ragno,
    o vuol fregargli le figurine che

    sono per loro un patrimonio immenso.
    Il bimbo nobile avrà un ruolo
    certo, domani . . . oggi però, penso,
    che dica “Perché gioco sempre solo? . . .

    un bimbo sono, no un cetriolo
    . . . ha ogni rondine diritto al volo!”

    (Cassandro)

    Anche da parte mia un bacio a Carmela, ad Annuccella e ad Assuntina, alle quali auguro vita vera ed intensa mentre suona il gaudeamus igitur dum iuvenes sumus.

    21. 15

    RispondiElimina
    Risposte
    1. suggestivi questi tuoi versi in cui il bambino povero cresce spensierato tra i coetanei e il ricco gioca da solo nel suo giardino nobiliare. Bere a garganella d'estate dalle fontanelle disseminate in strada non è male, lo dico perché a Napoli ormai non sono praticamente rimaste più fontanelle pubbliche, ne ricordo solo una ai tribunali.

      Elimina
  10. Cassandro, godiamo sinchè siam giovani ma soprattutto in libertà
    Libertà che non conosce chi è schiavo della propria immagine che sia un corpo o un ruolo in società:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La libertà è una grande conquista e tu ne conosci il valore più di altri :-)

      Elimina
  11. Caro Capitano, una delle cose importanti che mi pare scarseggi molto in questo periodo è il famoso "buonsenso"! Una cosa invece che abbonda è la stupidità!La conseguenza di questa mancanza, e di questa abbondanza tutto diventa possibile, anche l'assurdo di stanziare dei soldi per rifare il seno alla figlia! Non ci sono altre parole

    Un carissimo saluto.

    Berardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissimo di risentirti, come si sente la mancanza del tuo buonsenso su questo blog! Spero che ti vada tutto bene.

      Elimina