venerdì 9 gennaio 2009

Un milione


Un milione di baci, un milione di schiaffi, un milione di prese in giro al ragazzo più indifeso della scuola, un milione di bombe intelligenti che massacrano a casaccio molto più di un milione di disgraziati, un milione di sorrisi di bambini che salvano il mondo, un milione di disperati che pensano al suicidio scartando il volo dal ponte perché troppo banale, un milione di altruisti e di mense per i poveri gestiti da rapaci patronesse vittoriane, un milione di "noi siamo il futuro che avanza", un milione di figli di Gianni Morandi che dicono "Me lo prendi, papà?" e un milione di Gianni Morandi che rispondono sì, un milione di gatti quarantaquattro alla volta in fila per sei col resto di due, un milione di "Come hai potuto tradirmi con quella strega?" e un milione di "Io quella non la conosco nemmeno, lo giuro sulla tomba di mia madre", un milione di sogni di diventare astronauta o calciatore, un milione di bambole Furga o Mattel che non si lamentano se gli strappi i capelli o gli stacchi una gamba, un milione di zoppi incazzati che non sono geniali come il dottor House, un milione di "Tutto quello che ho me lo sono guadagnato con il duro lavoro" e un milione di "Tutto quello che hai te lo sei procurato imbrogliando, mentendo, corrompendo, rapinando, ma verrà il giorno in cui te la faremo pagare cara",
un milione di stelle guardate da una spiaggia estiva da due innamorati con il mondo nel palmo della mano, un milione di sogni di andare in Africa per aiutare chi soffre o per fare il grande bwana bianco in mezzo ai negretti della gleba, di sogni di scalare l'Everest o il più alto grattacielo di Wall Street, un milione di "papà, sei uno stronzo" e un milione di "Se è così, tu hai preso da me", un milione di persone su Facebook a fingere di voler ritrovare antichi amici odiati a morte e un milione di persone su Facebook a cercare gnocche o cuori matti che tanto ogni lasciata è persa, un milione di bugie a fin di bene, un milione di come ti sei conservato bene, sei lo stesso ragazzo di vent'anni fa, quando sembri un sopravvissuto di Hiroshima che tira avanti a forza di anfetamine e di Barbera all'etanolo, un milione di balene da salvare, di idealisti con la faccia di Hitler o Pol Pot, di cariche dei Seicento a Balaclava o di Centouno da Walt Disney, un milione di ragazze per me che posson bastare, un milione di film con l'happy end, un milione di vite senza happy end, un milione di giovani più giovani dei giovani che credono di cambiare la società o semplicemente di essere originali, un milione di inverni del nostro scontento, un milione di piercing nell'ombelico o di tatuaggi sulle chiappe, di minigonne e di magliette invisibili indossate a tetta libera, un milione di crinoline ottocentesche, di capelli lunghi da contestatori, di capelli corti da seminarista, di barbe da rivoluzionari, di baffi da playboy, di bionde trecce, occhi azzurri e calzette rosse (le tue), di seni posticci, di culi posticci, di labbra posticce, di pensieri posticci, di post posticci, di fazzoletti ricamati raccolti da antichi corteggiatori, un milione di mi chiamo Bond, James Bond, e di francamente me ne infischio, di fantasie al potere, di Quarantotto e Sessantotto, di Ventinove e Ottantanove, un milione di vengo anch'io no tu no, un milione di compromessi storici e di centralismi democratici, di Nuove Frontiere, di New Deal, di We Can, di rivoluzioni dei Cento Fiori, di Soluzioni Finali, di saluti al Duce, di inni di Che Guevara a Santa Clara, di raduni di Woodstock, un milione di dichiarazioni di amore eterno con il cuore che fa il trottolino amoroso e tuttù e tattà. Un milione di gesti tutti uguali, di sogni tutti uguali, di parole tutte uguali, di amori tutti uguali, di mode tutte uguali, di guerre tutte uguali, di sguardi, imprecazioni, furberie, sacrifici tutti uguali.
Un milione di cose già viste: la chiamano vita.

27 commenti:

  1. Perchè alla fine gli uomini ripetono le stesse azioni mossi dalle stesse motivazioni. Da sempre e per sempre. Eppure continuiamo a porci domande e cercare risposte che sono già state rivelate. Mah!
    Senti, visto questa tua verve parolaia oggi, che ne diresti di metterla a frutto nel blog della tua non sempre dolce metà? E' morto! :(

    RispondiElimina
  2. .. un milione di BUONA GORNATA!!!

    RispondiElimina
  3. Hai scritto un milione di cose!

    P.S.= se su facebook si cercano le gnocche ora mi spiego alcune cose... sayonara ^^

    RispondiElimina
  4. Un milione di euro che non ho in tasca,
    un milione e non sono sola,
    un milione di idee e ne faccio solo una,forse nessuna...

    RispondiElimina
  5. un milione di certezze infrante in un milione di istanti disastrosi, un milione di speranze sperate, di sogni sognati, di versi letti, di lacrime versate per amore. Un milione di sorrisi, un milione di "buona notte angelo di mamma" e di "ti alzi che è tardi e devi andare a scuola(ma tanto sono solo le sei del mattino ed è la milionesima volta che lo dice, non ci credo più)
    :)

    RispondiElimina
  6. un giorno speciale su un milione di giorni tutti uguali, a me basterebbe...

    RispondiElimina
  7. Tu sei capace di inventare un milioni di cose diverse?Di sogni mai fatti?Di pensieri mai partoriti?Sei capace di una Vita orginale,non ancora contemplata?

    Un sorriso.Antonia.

    RispondiElimina
  8. ma anche un milione di "il mondo è bello perchè è vario". se non fosse così sai che noia. :)

    RispondiElimina
  9. Cleide, vero: gli uomini ripetono le stesse azioni e sono mossi dalle stesse motivazioni da qualche migliaio di anni, ma forse da più tempo.
    Balua, buona giornata a te.
    Inenarrabile, gnocche su facebook: devo fare un'indagine, mi dicono sempre che facebook serve per trovare vecchi amici con cui ti sei preso a ditate negli occhi e a morsi sul naso. A me pare che, se armate di persone sono accampate giorno e notte da quelle parti, ci vogliono motivi validi... e i soli motivi validi che conosco sono fare la grana o trovare la gnocca (mi si perdoni il lirismo dell'immagine).
    elle, un milione di amiche come te :-)
    bluphoenix, speranze sperate anche per me.
    birba-976, un giorno speciale a te, allora, che lo meriti.
    Antonia, non ne sono affatto capace e penso che non ne sia capace nessuno, anche se c'è un mucchio di gente che giura di saperlo fare.
    gians, non mi pare che il mondo sia vario, se a te risulta il contrario fammelo sapere su facebook, dove non ho ancora trovato nulla di vario o di non noioso.

    RispondiElimina
  10. Un milione di grazie per la visita, ritorna ti aspetto, se vuoi possiamo scambiarci i link.

    RispondiElimina
  11. Un milione di giorni felici...
    Marypersempre

    RispondiElimina
  12. il copione si ripete in una inesorabile coazione a ripetere, nella vita e nel mondo.
    peccato...

    RispondiElimina
  13. Ciao, lo so che anche dopo pubblicato un libro non è detto che si venda.
    Ormai è da quasi un anno e mezzo che sto dietro a tutto per il mio racconto e mi prodigo per riuscire a vederlo pubblicato.
    Non ho voluto pubblicarlo con contributo perché non mi sembra giusto, piuttosto me lo pubblico io a mie spese ma tenendomi i diritti. Regalarlo così ad un piccolo editore per poi farlo finire fuori catalogo nel giro di 6 mesi non mi va.
    A te come è andata la vendita del tuo libro? L'ho cercato su ibs c'è ma mi danno 4 settimane di attesa, Adesso provo a vedere se lo trovo nel sito dell'editore. Sono curiosa la storia mi intriga.
    Quello che leggi nel mio blog sono raccontini che invento e pubblico lì.
    Avevo pubblicato qualche capitolo del mio romanzo ma poi mi è stato consigliato di eliminarli.
    Perché tutto deve essere così complicato in Italia? All'estero non è così. E' un pò più semplice riuscire a vedere pubblicato un libro.
    Un saluto
    Angela

    RispondiElimina
  14. Luciano De Crescenzo docet: Nu' milione!? Uh anima do' purgatorio!!!

    RispondiElimina
  15. Un millione di "VAFFANCULO" no "Vacci te". un milione di ricordi persi nella sabbia che il vento rispolvera ogni tanto. Un milione di accuse e difese che poi diventano parole inutili. Un milione di complimenti Mio Capitano!

    e grazie per avere visitato il mio piccolo "pezzo di vita"... il mio overlook

    clelia

    RispondiElimina
  16. capitano, il mio sguardo su faceboook si è fermato non appena nè ho intuito lo scopo, cercare reperti è roba da archeologi non da esseri viventi che sperano di scoprirne altri. :) notte

    RispondiElimina
  17. Grazie della visita a presto, Desy.

    RispondiElimina
  18. con un milione di queste cose,
    chi vuol essere milionario?

    RispondiElimina
  19. Peppe, ringrazio il tuo ringraziamento.
    Marypersempre, cedo a te la metà del milione di giorni felici, cinquecentomila ti dovrebbero bastare. :-)
    scrittrice 75, approvo la tua scelta di non pubblicare a pagamento. Se proprio devi, pubblica il libro a tue spese e incassa tutto il guadagno, tanto sei tu che lo dovrai vendere. Il mio libro dovresti trovarlo sul sito della graphe.it raggiungibile dalla colonna laterale. Fammi sapere se ti arriva.
    Veneris, un po' di purgatorio a Luciano De Crescenzo, oh yesss.
    gians, ho cercato antichi amici di scuola su facebook, più che altro per vedere se li trovavo come mi era stato assicurato. Ne ho rintracciato uno solo, ammesso che fosse lui, il che è dubbio: è un tipo che a scuola chiamavano 'o Scemo, uno che si vantava di tutto e di più, mentiva anche alla madre, faceva scherzi di pessimo gusto, non chiudeva mai la sua maledetta boccaccia, diceva cazzate in continuazione, vigliacco con i forti e arrogante con i deboli, sembrava Alberto Sordi da giovane nelle sue peggiori interpretazioni da italianuccio. Lo ricordo intento a fare collette per il terremoto del Friuli che poi travasava nelle sue tasche. Nemmeno per una frazione di secondo mi è passato in mente di contattare su facebook il mio antico compagno di classe, ammesso che fosse lui. Tra l'altro, se poi vieni a scoprire che un simile cazzone ha fatto fortuna nella vita, non so se ciò accrescerebbe la tua fiducia nell'umanità.
    Desy, ringrazio il tuo ringraziamento.
    Marco Cannibale, voglio essere io milionario :-)

    RispondiElimina
  20. Un milione di posti di lavoro mai ricevuti.... no comment.

    Sempre sagace.

    Ciao Nostro Capitano
    Daniele

    RispondiElimina
  21. ecco immaginavo, immaginavo che spesso certi strumenti vengono utilizzati come sempre dai soliti piazzisti da pianerottolo, con tutto il rispetto per la professione. :)

    RispondiElimina
  22. un milione di lire...
    un sacco di soldi!!!
    altro che 500 euro...

    RispondiElimina
  23. la vita è adesso, il sogno è sempre ..........diceva qualcuno là...... :D

    bellissimi momenti e frammenti appunto di vita racchiusi in un solo post......

    ciao a presto!
    Tali

    RispondiElimina
  24. Segnalo che sulla colonna laterale ho aggiunto un link per leggere una buona metà del mio romanzo "Atto d'amore". Se qualcuno fosse interessato non ha che da cliccare :-)

    RispondiElimina
  25. Questo post mi ha messo tristezza. Pensavo di leggere alla fine una conclusione differente e invece scopro che è quella che anche io avrei scritto.
    Se dovessi spiegare perchè mi ha messo tristezza dovrei utilizzare un milione di commenti meglio di no ... il buon proposito del 2009 è parlare di meno. So che non terrò fede alla cosa. E' più forte di me.
    Parlare di meno nel senso di non spaccare le balle a tutti non nel senso di parlare di meno e fare di più. Che sto a di' non lo so, vaneggio come al solito :)
    Basitteddu
    p.s. Devo scrivere bene il mio nick che qui se ne aggiungono altri quasi uguali... :)

    RispondiElimina
  26. Dai ragazzi, non buttiamoci troppo giù! Ci sono pure un milione di cose belle! Un un milione di sentimenti nobili; un milione di tentativi per fare meglio;un milione di persone splendide come voi, ad esempio!
    Un milione di speranza che forse le cose possono cambiare!

    Sei sempre il più forte!!

    Ciao.
    berardo

    PS
    Per favore trattami bene la ragazza!!

    RispondiElimina