venerdì 17 luglio 2009

Io me lo ricordo bene


20051119234429_resize of dscn4486 Celia Sanchez, io il Mio Capitano me lo ricordo bene dai tempi di Tiscali. Aveva una grande vitalità e sapeva dirti una parola buona quando ne avevi bisogno. Lo sapevate che lo prendevano sempre per un altro? Dicevano che aveva moglie e figli. Una volta ho sentito dire persino che di mogli ne aveva due e che non aveva divorziato da nessuna di loro.


Indio, per me era quello degli indiani. Scrisse dei bellissimi post su Cavallo Pazzo e sui Sioux. Gli piacevano quelle terre e quel modo di vivere, anche se non era così ingenuo da credere alle oleografie sulla vita del buon selvaggio puro e incontaminato. Parlava spesso di grandi praterie, ve lo ricordate, di spazi sconfinati per appagare la tua mente e la tua voglia di avventura. Non molto tempo fa scrisse un post su una carica di bisonti per le strade di Napoli, anche quello a ben vedere era un sintomo della sua insoddisfazione. Volete sapere dove penso sia andato? Secondo me è in qualche posto tra le Montagne Rocciose, o magari si è imboscato in un ranch dalle parti dove John Ford girava i suoi film, avete presente? Magari si sta dicendo che se l'avesse fatto prima sarebbe potuto diventare un ottimo domatore di mustang, meglio ancora un sussurratore di cavalli. Ssssss, non dite a nessuno che ha letto il libro del sussurratore di cavalli e che gli è pure piaciuto.

Elle, ricordo quando parlava di Emma che credeva nell'amore a prima vista, quelli sì che erano tempi. Scrisse pure dei post in cui Emma andava nell'Ottocento, vestita con la crinolina, il busto e tutto il resto, ma è roba vecchia. A proposito, sapete chi era Emma?

Anonimo, io non lo sopportavo. Era un gran rompiscatole e si dava un sacco di arie. Gli avrei dato un gran pugno sul naso, ma devo dire che lui avrebbe fatto altrettanto con me. Però devo ammettere che per lui il blog era una cosa seria, lo amava, come scrisse varie volte. Era uno di quei tipi sempre insoddisfatti. Questo non va bene e quello non va bene. Sapete, quelli della razza degli scassaballe. Perché parlo da anonimo? Questi se permettete sono affari miei.

Bera, dove sarà a quest'ora? Io propendo per i Caraibi. Non credo che lo rivedremo troppo presto. Parlava sempre di lasciare tutto e partire alla ricerca di se stessi. Lo so che nei post sembrava ironico e si faceva beffe delle anime belle del volontariato in rotta per l'Africa, ma io sono sicuro che sotto sotto era serio.

Sergioberto, l'avete mai sentito quando proclamava che sarebbe partito per l'Africa solo per fare il capovillaggio o il sindaco di qualche tribù Bantù o Masai? Chissà, forse starà facendo davvero il boss di un villaggio a sud del Tanganica.

Anonimo, ma quale Caraibi e Africa! Detestava il mare e il caldo, diceva che l'unica cosa buona di mare e spiaggia erano le donzelle seminude che si arrostivano al solleone. Quello è andato a Nord, datemi retta. In un posto alla Into the wild, forse addirittura l'Alaska.

Balua, so che aveva scritto a mezzo mondo. A mezzo mondo che conta. Aveva riunito tutti i suoi tentativi in un saggio intitolato "I vip siamo noi". Probabilmente era pure divertente e ben scritto, solo che il titolo era sbagliato, i vip sono gli altri, quelli che non spariscono da un momento all'altro perché non hanno bisogno di farlo.

Talikundia, ehi, avete visto che è sparita pure Cleide? Sarà andata con lui?

Celia Sanchez, a fare la galoppina del sindaco del villaggio africano? Ma fatemi il piacere, Cleide me lo avrebbe detto. E poi doveva già partire con me per rifare il viaggio sudamericano di Che Guevara in groppa alla Poderosa.



Anonimo, era un gran rompicoglioni, l'ho detto e lo ripeto, ma credo che mi mancherà.

26 commenti:

  1. .. io sapevo che era un agente segreto mascherato da promettente scrittore in erba (non quella che si fumava di notte per creare certi post eh???)

    CIAO CAPITANO!!

    RispondiElimina
  2. Sembra l'apologia del caro estinto.:))
    E non ci provare. Io la tua galoppina non la faccio, qualsiasi sia la cosa da galoppare.))

    RispondiElimina
  3. Esco per qualche momento dalla mia irreperibilità e dal luogo inaccessibile che ho raggiunto per segnalare il bel commento di Cassandro al post precedente sull'altruista in carriera.
    Balua, io erba niente, mai fumato nemmeno sigarette.
    Cleide, il Capitano ha deciso di non estinguersi ancora per parecchio tempo.

    RispondiElimina
  4. Con un po' di tristezza qualcuno si perde per strada e qualcuno non trova piu' nulla da dire.Peccato.ciao.giampaolo.

    RispondiElimina
  5. Ciao Capitano... mi mancherai...
    Torna presto.
    Enrica

    RispondiElimina
  6. Certo che una fumatina ogni tanto non guasta. ;)

    RispondiElimina
  7. Ragazzi, non mi fate commenti così lunghi e appassionati, mi farete commuovere. Davvero, non vi sforzate troppo.
    Non sono andato da nessuna parte e non ho fumato. Questo post mi è stato suggerito da quei documentari in cui si parla di qualche personaggio intervistando suoi amici o conoscenti. Il personaggio in questione sembra una personalità assoluta del genere umano, anche se lo conosceva a malapena la madre. Si intervista la sua antica compagna di banco a scuola che dice: aveva un modo di sorriderti tutto particolare, ti faceva sentire speciale. E il suo collega di lavoro, una volta mi offrì tre numeri da giocare a lotto, lo presi in giro per la sua creduloneria, pochi giorni dopo zac, i tre numeri non escono sulla ruota di Palermo? E la ragazza che andava con tutti tranne che con lui: un uomo straordinario, c'era qualcosa in come si muoveva, in come ti parlava, sì, c'era qualcosa in lui che ti catturava. E uno che non si sa chi è: una volta mi disse che al suo funerale avrebbe voluto sentire "Acqua azzurra, acqua chiara".
    Risultato, il personaggio in questione sembra un mito per l'effetto amplificatorio della televisione.
    Bene, non avete che da farvi intervistare da Giovanni Minoli o da Chi l'ha visto? e anch'io sembrerò un mito televisivo. :-)

    RispondiElimina
  8. Si, ma tu sei particolarmente ispirato, io a malapena oggi riesco a leggere, e menomale che tira una brezza da nord-ovest. :)

    RispondiElimina
  9. Oggi giornata arieggiata, cielo parzialmente nuvoloso, temperatura di 26 gradi centigradi, venti provenienti dai quadranti occidentali compresi tra 0 e 34 chilometri all'ora, umidità del 47 per cento. Tutto questo a Napoli.

    RispondiElimina
  10. Oggi giornata arieggiata. Talmente arieggiata che ho temuto di finire in mare mentre camminavo in prossimità del porto. Temperatura al di sotto della norma stagionale. Tutto questo ad Alghero.Ma tranquillo ragazzo che appena approderò nella mia /tua bella partenope ci scioglieremo come ghiaccio al sole.(((

    RispondiElimina
  11. Bella "l'apologia del caro estinto".
    Questo elenco di nick mi ha fatto tornare in mente due periodi ben distinti della mia vita, ma parlarne adesso sarebbe una lungaggine incredibile.
    Te ne vai in vacanza, dove per vacanza intendo biglietto, sparizione e interruzione di ogni contatto?
    Se è così, divertiti. :-)

    RispondiElimina
  12. Cleide. il caldo è ancora contenuto oggi a Napoli, ma si prevedono peggioramenti nei prossimi giorni.
    enne, tra poco starò con Cleide, quindi, sì, vado in vacanza e che Dio me la mandi buona :-)

    RispondiElimina
  13. E che Dio te la mandi buona si :-)

    RispondiElimina
  14. un coccodrillo? non si chiamano così?

    RispondiElimina
  15. Sinceramente questo header mi piace di più
    :-)

    RispondiElimina
  16. Ho riletto il post due volte, pensavo fosse un saluto agli amici, pensavo fosse l'ultimo saluto :)
    Io me lo ricordo bene il Capitano, abbiamo litigato per un suo post sulla sanita' o forse sulla politica. Il mio commento fu come al solito dirompente e cosi' anche la sua risposta. Credevo fosse un presuntuoso ma mi sbagliavo. Mi sbagliavo eccome.
    Me lo ricordo bene il Capitano, bravissimo nello scrivere e nel raccontare, di grande fantasia, cordiale e gentile, spesso ironico nei suoi commenti ricchi di metafore intelligenti che spesso andavano a colpire "l'avversario" li' nel punto giusto. Dote intelligente quella si saper colpire con eleganza e maestria.
    A pensarci bene, ma lo sai che ci sono persone che sono convinte che tu sia sposato e con prole? :)
    Basitteddu Capitano, sono rientrata a Casteddu dove c'è un caldo da schiattare a terra.
    Forza e coraggio - 2 :)

    RispondiElimina
  17. Celia è sempre un piacere sentirti. Meno male che ogni tanto passi e ci strappi un sorriso. Devi assolutamente venire a Napoli qualche volta, ci vediamo io, tu e la nostra comune amica (e magari altre persone di buona volontà) e ci facciamo quattro risate di quelle buone, ci mangiamo la pizza e balliamo le tarantelle napoletana e sarda. E insomma una chiacchierata ce la dobbiamo fare, e poi vuoi dare alla povera Cleide la possibilità di vedere finalmente la tua rigogliosa capigliatura dal vivo? Sorriso a te.

    RispondiElimina
  18. Sono stata (tanto) tentata anch'io di mettere un po' in piazza gli amici&conoscenti che per un motivo o per l'altro o senza motivo alcuno hanno condiviso anni di blog e poi zap, non ci sono più. Poi non l'ho fatto, ma per la semplice speranza che, magari, tornino ad aver qualcosa da dire (o per il semplice patema che tornino e mi accoltellino alle spalle lasciandomi esangue in un angolo buio - e senza web).

    RispondiElimina
  19. Se si balla tarantelle sardo-napoletane, devi di certo invitare me e cuncetta. :)

    RispondiElimina
  20. Bene, cari amici vicini e lontani, domani giungerà Cleide in quel di Napoli e quindi sarò in altre faccende affaccendato. Cercherò di tenere la suddetta lontano da sfogliatelle, babà, torte capresi e simili, ma non so se ci riuscirò. Gians, se per caso tu e cuncetta siete a Napoli nella prossima settimana ci si può fare una pizza insieme, la tarantella credo che dovrà aspettare. :)
    Un saluto a tutti gli amici del blog.

    RispondiElimina
  21. Il treno di Cleide ha avuto un ritardo, quindi ne approfitto per dare una risposta fuori tempo massimo a Celia, che aveva scambiato questo mio post per un post di addio. Su questo blog non comparirà mai un post di addio, amo il blog, perché dovrei abbandonarlo? Ci sono poche cose che mi piacciono di più che scrivere post, ammesso che esistano. :-)
    Certo se vincessi a superenalotto o mi pubblicasse la Mondadori, avrei meno tempo da dedicare al blog, ma non sembrano scenari imminenti.
    Tra l'altro c'è gente che mette due post all'anno e dice di avere un blog, e io sono del tutto certo di poter scrivere un paio di articoletti all'anno, anche in caso di vincite miliardarie. :-)
    Il riferimento ai due post all'anno non è casuale: sono di recente capitato sul blog di Gianni Togni, il cantante (uno sconosciuto ha linkato nei commenti un mio vecchio post sulla morte virtuale) e ho visto che l'interprete di "Luna" pubblica un post ogni sei mesi. Mi sono detto: se quello è un blogger, io lo sarò sin nella tomba. :-)

    RispondiElimina
  22. Ehi, sia ben chiaro, non sono in Kenya e neanche in Nuova Guinea (ma che fine hanno fatto Zanzibar, Bombay, e tante altre località? Perchè ci fanno studiare la geografia e poi cambiano tutto?)sono ancora ad arrostirmi nella Nuova Città (No, non NewYork, quella è una copia, un clone, sono nella NeaPolis, l'unica e sola, Napule, per capirci). Il blog? e chi lo abbandona. L'amico Raz mi ha chiesto un racconto su Vlad Tepes, e non è facile amici miei; non lo è per niente. Se tutto va bene lo vedrete a settembre (spero). E ora: buone vacanze Cap. buone vacanze a tutti!

    RispondiElimina
  23. macchè Capy! sono appena rientrata dalle vacanze e mi trovo questo stranissimo post in cui mi hai taggato! ;)

    per quanto leggo anche tu e Cley siete via, a prestissimo quindi.

    baci,
    Tali

    RispondiElimina
  24. Caro Capitano magari fossi partito per i Caraibi! Ci sono e ti ...vedo pure!!

    Un carssimo saluto!

    berardo

    RispondiElimina