giovedì 25 agosto 2011

Il bilancio della vita (parabola)

Un uomo di mezz’età andò da un vecchio saggio che viveva in una grotta e rifletteva tutto il giorno. Maestro, gli disse, sono giunto a un età in cui devo fare il bilancio della mia vita, mi devi aiutare. Il bilancio della vita?, disse il vecchio saggio. E che cos’è? Di certo sopravvaluti la mia saggezza. L’uomo di mezz’età inarcò un sopracciglio: tu mi prendi in giro. Sanno tutti cos’è il bilancio della vita. Si passa la propria esistenza in rassegna per vedere se abbiamo fatto cose notevoli, gratificanti, interessanti o tali a destare ammirazione, invidia o riconoscenza negli altri. Insomma si deve capire se abbiamo vissuto una vita piena o no e nel caso apportare le necessarie modifiche al nostro modo di agire.

Il saggio si grattò il mento: e hai bisogno di fare un bilancio per stabilire ciò? Non lo sai già che cosa hai fatto? Aspetta, credo di aver capito cosa intendi. E’ come si faceva a scuola una volta quando la maestra si assentava; si divide la lavagna in due parti e in una si scrivono i nomi degli studenti cattivi e nell’altra di quelli buoni. Se scrivi i nomi di molte cose buone che hai fatto, forse il bilancio della tua vita sarà soddisfacente.

Bah, la puoi mettere pure così, disse l’uomo di mezz’età, a cui a dire la verità la questione sembrava più complicata, alta, eterea. Vediamo, allora, continuò il saggio, per prima cosa dobbiamo stabilire quali sono le cose da annotare nella lavagna del bilancio della vita. Forse i soldi? Di solito le persone tendono ad avere un gran concetto dei soldi guadagnati e spesi, magari in viaggi all’estero o in status symbol tipo case e macchine di lusso. Magari se hai guadagnato molti soldi e li hai spesi per il benessere e il piacere tuo e della tua famiglia puoi dare un senso al bilancio della tua vita.

Non è proprio così, Maestro, i soldi sono importanti, ma ti sto parlando di qualcosa di più…capisci, di qualcosa di diverso. Allora forse, figliolo, su quella lavagna devi annotarti qualcosa che ti abbia segnalato in qualche campo della vita, potrebbe essere la politica, la religione, che so, l’arte o la medicina senza frontiere. L’uomo di mezz’età rifletté: non si parla necessariamente di qualche risultato tipo forza bruta che hai raggiunto, non devi sbandierare per forza successi di quelli che fanno incidere il tuo nome sulla targa di una strada. Il saggio si illuminò: aspetta, ci sono, parli di amore, forse se ti sembra di aver amato tanto puoi chiudere in attivo il saldo del tuo arco esistenziale finora. L’amore è la chiave di tutto. Ora che mi ci fai pensare, anni fa ho visto al Maurizio Costanzo Show un vecchio playboy che affermava di aver conosciuto biblicamente tipo cinquemila donne durante la sua carriera. Mica male, no? Non ti sembra che quell’uomo possa essere fiero di ciò che ha fatto?

Maestro, io sono serio a dispetto della tua ironia. La riflessione critica di cui parlo probabilmente riguarda la sensazione di aver vissuto la vita a pieno e di averlo fatto senza tradire i tuoi ideali, riguarda l’impressione di aver corrisposto alle tue aspettative recondite. Figlio mio, disse il saggio, ti confesserò che da bambino desideravo fare il domatore di elefanti; la mia aspettativa è stata fieramente delusa, ma non per questo segnerò questo insuccesso sulla lavagna del bilancio della vita. Per il resto, mi pare di essere soddisfatto di quanto ho fatto finora; pensa che ogni giorno arrivano alla mia grotta un mucchio di consumisti pasciuti e un po’ fessi che credono di filosofeggiare leggendo Secret- La legge dell’attrazione o Come diventare leader di te stesso in dieci semplici lezioni… e pensa un po’, non sono mai riusciti a farmi perdere la pazienza.

24 commenti:

  1. E quindi cosa ci scriviamo in questo bilancio?
    A proposito... non sono ancora riuscita a farlo...

    RispondiElimina
  2. Come disse il saggio: non so cosa sia il bilancio della vita, quindi come posso farlo?
    Sorriso a te.

    RispondiElimina
  3. Meglio non fare bilanci :-(
    Però.. ecco sì..io mi sono data una mossa!:-)
    Sono al maree! Felicissima!
    PS però mi sono scottata il naso..e la schiena :-(
    ..e fa un caldo bestia!:-D
    Bacione!

    RispondiElimina
  4. Sara, caldo bestia pure qua e purtroppo siamo senza mare.

    RispondiElimina
  5. Quindi eri serio quando sostenevi che dovevi riflettere su "una vita vissuta a pieno. Mah? Anche io sognavo di fare il domatore di elefanti, magari fra qualche anno mi trasferisco in una grotta.

    RispondiElimina
  6. Veneris, sono lusingato che tu mi abbia paragonato al saggio del post, ma purtroppo nessuno e io per primo direbbe che sono saggio. Mentre è un'ipotesi molto probabile il fatto che me ne vada a vivere in una grotta, considerando i tagli del governo, la crisi internazionale, planetaria, umanitaria e se nessuno si offende ci metto pure la crisi del blog. Sorrisi a tutti

    RispondiElimina
  7. Pare che a giorni il termometro si abbasserà e credo che solo allora potro' risponderti sul bilancio. Per ora non riesco neanche a fare quello delle mie spese:)

    RispondiElimina
  8. sally brown ha detto:

    ciao mio capitano ma, invece di fare un unico bilancio e avere i problemi di quest'uomo di mezz'età, non si potrebbero fare tanti piccoli bilanci: come per esempio, il bilancio di quest'estate e del caldo a cui siamo sopravvissuti?
    ole/.) by schizzigocceecapricci.blog.tiscali.it

    RispondiElimina
  9. ciao cap,in quanto a bilanci ho poco di buono da scrivere sulla mia parte di "lavagna" anche se forse ho ancora tempo a sufficenza per aggiungere qualcosa di buono.ciao.giampaolo

    RispondiElimina
  10. CASSANDRO

    Quel saggio, caro Cap, era veramente saggio non tanto perché non conosceva cosa fosse il bilancio della vita (e non gliene importava una mazza), ma perché sapeva che ogni bilancio può sempre essere manipolato in un modo o in un altro, per cui solo per convenzione o costrizione si accettano per veri quelli che come tali vengono presentati.

    Grazie a ciò ognuno di noi riesce sempre a salvarsi in angolo, come insegnano alcune regole di Ragioneria, cui fanno riferimento alcune leggi di recente poste in essere, che c o n t e s t u a l i z z a n o l’evasione fiscale di oggi ( e questo sarebbe stato interessante pure per tuo saggio, Cap)

    Nel caso in cui i conti non tornano diamo allora qualche mefistofelico suggerimento per fare appunto quadrare il . . . . . . . .

    BILANCIO DELLA VITA

    Nessuno vuole confessarlo che
    il suo bilancio chiude in passivo,
    per cui tanti ‘più’ inventa e
    non evidenzia i ‘meno’. . . . “Finchè vivo”

    -- dice a se stesso -- “avrò il modo di
    . . . ma certo! . . . compensare tutto il ‘rosso’
    che c’è”, ed aumenta qui e qui
    la parte positiva a più non posso,

    e dei proponimenti fa realtà.
    Sono d’accordo, mai darsi per persi,
    e dato che in c o n t a b i l i t à

    non sono i conteggi sempre tersi
    si dà per fatto il ben che si farà,
    e si aggiustano gli atti un po’ perversi.


    Nessuno andrà per questo in galera.
    Può darsi che si faccia anzi carriera.

    Approfittiamo quindi con gran slancio
    dell’abolito “falso in bilancio”.

    (Cassandro)

    il

    RispondiElimina
  11. Mi accorgo che devo salutare un bel po' di bella gente.
    Cleide, mi dicono che lunedì le temperature diminuiranno di dieci gradi: magari riuscirai finalmente a leggere qualche brandello di post (la temperatura dovrebbe forse andare sotto zero affinché tu lo legga tutto, immagino) :-)
    Sally, hai scordato il bilancio del blog...
    Giampaolo, ti risento sempre volentieri. Scriveremo sicuramente qualcosa di bello sulla parte buona della lavagna, niente paura.
    Cassandro, bellissimo il tuo "falso in bilancio", mi ha fatto ridere. Si dovrebbe prendere il tuo falso in bilancio e schiaffarlo sotto il naso di quelli che ogni tanto sentono di dover fare il bilancio della vita (in realtà ho l'impressione che queste persone sentano come il bisogno di dare una controllata al loro conto in banca, cioè in vita, e sono avviliti se trovano scarsino il loro conto in banca, cioè in vita.).

    RispondiElimina
  12. La temperatura non mi permette ancora una seria ed esaustiva riflessionesul tema ma temo che anche dopo non riusciro' ad andare oltre una considerazione terra terra che qui espongo per sommi capi: oggi sto meglio di ieri e domani spero di stare meglio di oggi. Anzi, sicuramentedomani staro' meglio di oggi.Sai com'è, io sono un po' fessa e mi bevo la legge legge dell'attrazione e tutte ste menate :)

    RispondiElimina
  13. Se ti bevi la legge dell'attrazione allora il Cielo abbia pietà di te. :-)
    Firmato Mio Capitano

    RispondiElimina
  14. Eppure non ti pare che funzioni? Quando tu hai lo scirocco malefico che ti ronza in testa e lanci strali al genere umano, all'intero universo e alle galassie lontane, chi ti sta accanto viene affossato dalle tuoi fluidi negativi e scappa lontano lontano.:)Noi abbiamo uj corpo fisico ma siamo fatti di energia che ti piaccia o no. Tutto è energias e l'energia muove tutto. Persino i pensieri e le azioni. E chi non sa riconoscere questo meccanismo è un folle. Sono abbastanza fessa?;)

    RispondiElimina
  15. Chissà? Forse il bilancio di questa nostra strana e convulsa epoca potrebbe essere straordinario, potrebbe, e insisto col condizionale, dare al mondo una invenzione che realizzerebbe un sogno: la fusione fredda, e cioè energia illimitata a bassissimo costo. Se veramente l' E-Cat, realizzato dai bolognesi Rossi e Focardi, funziona, le conseguenze per l'umanità sarebbero da fantascienza. Stranamente sarà proprio la Defkalion, una società del più disastrato paese europeo (la Grecia), a realizzare e mettere in commercio quest'invenzione. Sarà una bufala? Gli scienziati sono perplessi (il progetto è coperto da segreto industriale e non si sa come e perchè funziona). Ho visto una lunga trasmissione RAI sull'argomento e sembra che il progetto funzioni... mah, speriamo bene! :-)

    RispondiElimina
  16. Caro Sergio, il progetto della fusione a freddo che dia energia illimiatata e pulita pare una chimera. Negli anni Cinquanta pareva imminente e facile, ma ogni anno che passa il progetto sembra più difficile e lontano. Staremo a vedere.
    Un saluto a te e a Cleide, sul cui commento soprassiedo, altrimenti dovrei scrivere un altro post sulla pseudo legge di attrazione (cosa che non escludo di fare a breve).

    RispondiElimina
  17. Qualcuno mi può dire dove posso recuperare tanta energia? L'ho persa strada facendo! :-D
    Notte Mio Capitano!

    RispondiElimina
  18. Io..... a Settembre il bilancino annuale lo faccio sempre :-) mi serve per sapere cosa fare e come agire per l'anno....
    Nell'insieme guardandomi indietro sono contenta per come ho vissuto, ci ho messo il max impegno, la maggior parte delle frittelle non hanno il buco r forse non sono neanche buonissime, ma io ci ho messo l'impegno.... e spero che le altre frittelle vengano meglio....
    La legge dell'attrazione secondo me funziona ;-) però bisogna saperla usare... e sapere sul serio cosa si vuole....
    Per il mio bilancio mi sento in attivo :-)

    RispondiElimina
  19. Fiore benritrovata. Quando appari tu non mi sento piu' tanto marziana:) Hai detto bene. E' fondamentale avere chiaro l'obiettivo, ma questo vale nella vita al di là della legge di attrazione. Hai mai letto la Profezia di Celestino?;)

    Sara, io faccio già molta fatica a trattenere la mia. :)

    RispondiElimina
  20. Ma quale Celestino! Avete mai letto la ben più ficcante Profezia del Capitano? d maiuscola e multipla per tutti.

    RispondiElimina
  21. Ma va là va là:)

    RispondiElimina
  22. Si Cleide, ho letto quasi tutte le profezie :-).. libri bellissimi! Però pare ne sia uscito uno nuovo, che non ho letto... Anzi mi pare che li rileggo :-)
    Dai Capitano, sei anche un uomo intelligente, ma a volte la razionalità è un limite per la conoscenza :-))

    RispondiElimina
  23. Hanno ragione Cleide e Fiore, Mio Capitano!
    Spesso capitano fatti inspiegalibi..sperare non costa nulla ti pare! :-)
    Buona serata

    RispondiElimina