venerdì 4 gennaio 2008

Indimenticabile notte di fine anno


Notte di fine anno. Notte di stelle fulgide e di sogni abbacinanti, notte in cui realizzare i desideri più reconditi. Notte di Cenerentole e di romantici uomini in frac che soli vanno, di pianisti sugli oceani. Notte da non dormire. Ognuno vorrebbe che la notte di fine anno fosse speciale. Vorrebbe vivere in quel momento magico esperienze uniche, da poter raccontare a un uditorio che ti ascolta a bocca aperta, con l'aria di dire: ma no, dici davvero? Ebbene io sono stato fortunato. Nella notte di fine anno mi è capitata un'esperienza indimenticabile e la racconterò qui a persone che mi ascolteranno a bocca aperta con l'aria di dire: ma no, dici davvero?

Torniamo alcuni giorni indietro nel tempo. Mezzanotte. Di qui l'anno vecchio e di là quello nuovo. Il cuore festante. Le luminarie nel cielo. Gli echi dei vicini fuochi artificiali della partenopea piazza del Plebiscito. In queste mani emozionate, l'immancabile bottiglia di spumante. Sorrisi a gogò e la certezza assoluta che nel nascente 2008 avrai successi almeno pari a quelli di Napoleone ad Austerlitz. Il tuo oroscopo non è mai stato buono come per i mesi a venire, hai una donna che pensa a te, un romanzo che sta per essere pubblicato e, ultimo presagio di destini fausti, il tappo saluta la tua bottiglia di spumante con un'approssimazione di un decimo di secondo dalla mezzanotte, anche se la tua sardonica compagna, Cleide, cerca in tutti i modi di svalutare il tuo record quasi mondiale. Sì, c'è qualche boato che fa tremare la casa, la solita natalizia Bomba di Maradona echeggia qui e là, qualche antifurto strepita, ma è robetta: questa notte capiterano cose meravigliose, è certo.

Suona il citofono. Io e Cleide ci guardiano. Strano. E' l'una di notte e non conosciamo nessuno nel lembo partenopeo in cui passiamo la Notte delle Notti. Di sicuro sarà qualche Anima Lieta che vuole augurarci il meglio della vita per i mesi a venire. Rispondo. L'Anima Lieta di Capodanno non sembra poi tanto lieta. Ha un tono agitato, preoccupato. Parla di fuoco e fiamme. Quale fuoco? Quello dell'inferno? Be', se il paradiso può attendere può farlo pure l'inferno, almeno in questa notte incantata. Tuttavia no, il tizio, cioè l'ubriaco vaneggiante, non parla dell'inferno, o meglio sì, dice che l'inferno ce l'abbiamo sotto casa.

Un dubbio terribile ti attraversa la mente inebetita dalle suggestioni capodannesche. Con due balzi sei alla finestra e la spalanchi. Una nuvola densa e irrespirabile ti aggredisce i polmoni. Sprezzante del pericolo ti affacci. Le fiamme sono sotto casa tua come aveva farfugliato l'ubriaco poco ubriaco. Un piano più sotto tre o quattro cassonetti gonfi della peggiore immondizia napoletana vanno a fuoco. Ecco finalmente che capisci di che odore è la famigerata diossina di cui si parla dovunque in questi giorni nella città di Pullecenella. Dalla strada ombre rosse diverse da quelle di John Ford ti dicono di buttare l'acqua sui cassonetti in fiammme, muovi il culo, la situazione è drammatica. Incurante di fiamme e nube tossiche ti fiondi in casa e riempi il solo secchio a tua disposizione imprecando contro il fiacco getto d'acqua della fontana. Un sorso di diossina e una secchiata. Un sorso di diossina e una secchiata sui cassonetti. Cleide riempie secchi d'acqua come una pioniera del West ti avrebbe ricaricato la carabina durante un attacco dei Sioux. Alla sesta o alla settima secchiata la situazione sembra disperata. Le fiamme si sono irrobustite a onta dei tuoi sforzi. E un signore in strada proclama, con la flemma di Sua Grazia ad Ascot, che ormai non ce la fai più a spegnere l'incendio. Anzi a suo avviso tra poco le fiamme raggiungeranno i vicinissimi tubi del gas e quindi ci sarà un bel botto, che potrai osservare dalla strada o dalle macerie del tuo monolocale in affitto.

Allora giù il maledetto secchio e via a capofitto per gli antichi scalini da commedie di Eduardo, alti almeno un metro, che ti dividono dalla strada e dalla sopravvivenza. Cleide ha già cercato di contattare ogni istituzione civile, dal 113 ai pompieri e persino al soccorso alpino, ma non risponde nessuno da nessuna parte. E in ogni caso la fine è vicina. Neppure i pompieri dell'Inferno di Cristallo riuscirebbero a scongiurare l'inevitabile.

A un tratto comunque pare che lassù dopotutto qualcuno ci ami. Osservando i cassonetti da distanza di sicurezza, ci rendiamo conto che forse sono sbagliate le previsioni dell'impettito passante desideroso di assistere all'esplosione del nostro appartamento possibilmente con noi dentro. Le immonde fiamme dell'immondizia scemano, si allontanano dai tubi del gas anche se non le contrastiamo più a secchiate d'acqua. E' il momento dei cuori impavidi. Io e Cleide ci guardiamo negli occhi e decidiamo di cogliere l'attimo fuggente. Andiamo su per dare l'ultimo scrollone all'incendio digradante. Sembra affare di poco, ma servono altri sette od otto secchi per domare il fuoco.

Scendiamo in strada mentre diamo aria alla casa. Tornando, ci sembra che l'appartamento abbia ancora un sentore di diossina o chissacché, ma non possiamo passare la Notte delle Notti all'addiaccio. Alla fin fine siamo stati fortunati, ci diciamo. Tutti sognano di avere una notte di Capodanno indimenticabile. E noi di certo non dimenticheremo mai di quando stavamo per saltare in aria accompagnati da cumuli di mondezza.

1 commento:

  1. Commenti importati23 giugno 2008 14:57

    A proposito dei rifiuti, stamane sentivo, anzi ieri, un appello a riconsiderare i gassificatori e gli incenitori non nemici dei cittadini.
    C'è molta strada da fare. Buonanotte Cap.
    Quando incontri la donna con le valigie e l'ombrellino, salutala per me.
    postato da arial il 07/01/2008 23:23

    Io invece, al contrario di Sergio, non mi stupisco più.
    Ogni due/tre il problema della "monnezza" si ripresenta nella pittoresca Campania e, purtroppo, nessuno riesce ad arginare questo fenomeno per il quale, nel resto dell'Europa, siamo molto criticati (come al solito...).
    I responsabili si dimettano, ma calde e preziose quelle poltrone.... Come andrà a finire? Forza pubblica? Esercito?
    Parola da digitare: Barca. Guarda caso... "Finchè la barca va, lasciala andare...."
    Ti auguro un sereno e felice 2008, senza più incendi e senza più diossina.
    postato da Maryognitanto il 07/01/2008 19:05

    cavoli!!! Meno male che nn siete saltati tue cleide ;) Anch'io amo i libri quindi...
    postato da ste il 07/01/2008 15:40

    Eccomi a voi, o amici:
    Mati, cercherò di procurarmi scarpe adeguate per superare il tuo test sugli uomini di classe. Emma è Emma e credeva nell'amore a prima vista, che altro c'è da dire?
    Sergio, Napoli è una città umiliante in cui muoversi. Quando ho visto i giapponesi con le maschere antimondezza (ne ho parlato qualche commento sotto) avrei voluto sparire, lo ammetto. E' triste che nessuno degli inetti politici che ci governano a livello locale e nazionale abbia ritenuto di assumersi delle responsabilità.
    arial, sono di certo pesci, ma ignoro il mio ascendente perché mi hanno spiegato che per conoscerlo devi sapere la tua ora di nascita.
    Fantaghirò, grazie per la prenotazione. Solo una precisazione. Il mio romanzo è GIA' PRONTO. E' stampato, luccicante e pronto per essere inviato a chi ne faccia richiesta, così mi ha assicurato il mio editore. Anche se la presentazione ufficiale di "Atto d'amore" avverrà solo il 26 febbraio.
    Tali, la risoluzione del cruciverba era opzionale, si giocava tra amici.Mi fermo qui e un saluto al resto dei companeros. :-)
    postato da mio capitano il 07/01/2008 14:52

    Il "Capitano" va bene anche con le antinfortunistica!!
    Ahahahahahahahah!
    Chi è "Emma"? La Emma qui nella tua colonna?

    postato da Mati il 07/01/2008 14:03

    Malgrado la mia lunga esperienza di vita riesco ancora a stupirmi. Mi stupisce il napoletano Napolitano che tornando dalla sua vacanza a Capri parla di "tragedia" e poi se ne ritorna subito a Roma senza dare neppure uno sguardo alla "sua" città in rovina. Mi stupisce e mi disgusta la melensa faccia da prelato di Prodi che con arroganza senza pari pontifica "le scuole devono restare aperte", come se i sindaci, avviliti, che le hanno chiuse, fossero tanti imbecilli dispettosi. Mi deprime la faccia melensa di Bassolino che, con aria ispirata da unto del Signore, afferma di aver fatto tutto ciò che era possibile fare per il problema dei rifiuti. Mi fa incazzare l'aria di sufficienza con cui l'onnitelevisivamente presente Pecoraro Scanio lancia i suoi strali sui napoletani che non fanno la differenziazione dei rifiuti. Come se non fosse stato lui, insieme con i suoi, a bloccare ogni iniziativa ed a contribuire a portare il paese alla rovina.
    Mi fermo qui perchè mi viene da vomitare...
    postato da sergio il 07/01/2008 12:43

    Prenoterò anch'io, vedrò come un pesce ascendente Capricorno, si destreggia tra le righe e la carta stampata.
    Opera prima di Franz.
    postato da arial il 07/01/2008 11:26

    Prenotato!!
    Non vedo l'ora che arrivi.. ho visto che per l'uscita si aspetta a febbraio.. chissa' come sei ansioso di vedere la tua creatura!
    Kiss
    postato da Fantaghiro' il 07/01/2008 11:21

    E' arrivato questo nuovo anno .... che ogni anno ne arriva un'altro ...
    Ti lascio i miei auguri .. e un caro abbraccio, per iniziare bene anche questo rientro a lavoro dopo le vacanze.

    ;D)

    Mati
    postato da Mati il 07/01/2008 10:04

    Ciao, carissima venerestorpia. Sono gli inconvenienti napoletani di questi tempi, ma tutto sommato il nostro Capodanno non è stato male.
    Per quanto riguarda il mio romanzo, posso dirti che è già pronto e stampato, in anticipo sui tempi previsti. Quindi non ti resta che prenotarlo a questo indirizzo:
    http://scaricabilia.graphe.it/
    "Atto d'amore" di Francesco Cinque.
    Te lo vedrai recapitare a casa a stretto giro di posta. Tra l'altro io stesso non ho ancora visto la copertina, che mi assicurano essere venuta bene, quindi attendo io per primo di toccare con mano ciò che ho scritto. Buona lettura e un caro saluto. :-)
    postato da mio capitano il 06/01/2008 22:51

    Ciao Mio Capitano!!!!!
    che racconto!!!!!
    Ho immaginato la scena come se la stessi guardando in un film!
    Capo d'anno col botto mi avrebbe spaventata non poco.. per fortuna il corvo aveva previsto male le sue previsioni..
    Un bacione
    PS Manco da un po' tra il prima ed il dopo feste.
    E' gia' uscito il romanzo? dove posso acquistarlo?
    Baci!
    postato da Fantaghiro' il 06/01/2008 21:48

    sembra la sceneggiatura di un film... gli amanti... il rumore l'a fuori, casino, ecc :P
    Mi fa piacere che tu abbia iniziato l'anno così bene... nemmeno io mi lamento... comunque stasera arrivano i Re Magi e ricevo i regali (sono stata buona, quindi ne aspetto molti) eheh.
    un bacione e a presto...
    Tali
    p.s. scusa, ma non ho avuto tempo di risolvere il cruciverba... :(
    postato da Tali il 05/01/2008 17:14

    Insomma non sei un Capricorno, oh come mi dispiace!
    Sapevo che eri dei Pesci, me lo ha rivelato Cleide, ma volevo farti andare fuori dai gangheri!!
    Mah, i Pesci quest'anno...
    Vorrei che per i Pesci andasse bene, anche se sono dei grandi egoisti. E vorrei pure che per voi andasse bene!!
    A me sta capiando per le mani un Ariete e non so proprio come sarà....
    Sarà quel che sarà, come il cuore ci indicherà, con le paure, le notti stellate, le cadute, le esitazioni....
    Adesso c'è proprio tutto.
    Ah, non pensavo fossi dei Pesci, ma vuol dire che non tutti i Pesci sono uguali.
    postato da arial il 05/01/2008 16:04

    E i vostri polmoni hanno ringraziato quelle brave persone che volendo o nolendo hanno appiccato il fuoco....... Maledetti...... Comunque adesso resta il ricordo di un insolito fine anno passato tra il piangere e il ridere.... Adesso ti auguro di passare almeno domani in santa pace lontano da quanto più infiammabile c'è!!! :)
    postato da redisaturno il 05/01/2008 13:35

    Visti, il primo dell'anno, due giapponesi gironzolare nella partenopea piazza Municipio. I giapponesi avevano due mascherine sul viso, più o meno di quelle che usi dopo una catastrofe nucleare. Al di là della mascherina apparivano tranquilli, sembravano voler dire: se respiriamo un sorso di aria napoletana schiattiamo in due secondi, ma per il resto Napoli è uno splendore.
    Avrei voluto dire agli adepti del Sol Levante: se pensate di trovarvi in una fogna a cielo aperto (e potreste non aver torto) perché non ve ne tornate a casetta da babbo samurai e mammina geisha?

    Notiamo che né il sindaco Jervolino, nè il governatore Bassolino, né il presidente del Consiglio Prodi hanno manifestato il minimo proposito di dimettersi. Prodi tra l'altro ha avuto la faccia tosta di dire che l'emergenza rifiuti a Napoli è una vergogna, come se lui fosse un eschimese paria e non il capo del governo che dovrebbe impedire la suddetta vergogna.
    postato da mio capitano il 05/01/2008 13:31

    I tubi del gas, l'incendio, i secchi d'acqua, il "profumo" di diossina... tu e Cleide due cuori impavidi...
    Only the brave... Solo i coraggiosi...
    Ma non è andata cosi'...
    Io so che durante l'incendio guardavate le luminarie e facevate esplodere la Bomba Maradona e tra uno scoppio ed un altro vi baciavate appassionatamente ... il più bel bacio di tutti i tempi del cinema...
    E poco vi importava del fuoco...
    Tu vestito come Humphrey Bogart e lei come Audrey Hepburn, nel film Sabrina...
    Tu che gli dici come nel film... Dove sei stata tutta la mia vita?
    Mmmm mi sa che quello non era Humphrey Bogart ma William Holden...
    Vabbè le mie fantasie sono confuse :-)

    Cleide che ride mentre tu spegni l'incendio? Scommetto sorriso sardonico :-)
    Brava.
    Bene.
    Bis.
    Sei la donna dell'anno.
    Baci capitano e ... ad avercene di festeggiamenti di fine anno cosi'! :-)
    postato da celia il 05/01/2008 10:54

    Capitano, a stare con le previsioni di quest'anno sembra che al momento il segno più favorito pare il Capricorno. E... ti assicuro, non so perchè, mi sembri uno nato sotto questo segno, e dunque, se le previsioni si avvereranno, il tuo anno sarà ricco di matrimoni, figli e soldi, per non parlare di lavoro!!!!!
    E insomma d'amore, d'amore, d'amore.
    Relativamente al fuoco e all'acqua, come fa Cleide a spegnere gli incendi se sa solo accenderli??
    postato da arial il 04/01/2008 23:35

    Cleide Cleide!
    Il Cap lavorava e tu ridervi?
    Grande grandissima.
    Sei di sicuro nella mia top ten delle donne più temerarie (e ironiche) dell'anno.
    (scorso)
    (presente)
    (futuro)
    postato da MjB il 04/01/2008 23:25

    bello "sguazzo" non c'è che dire...fine d'anno col botto e bagnato per un nuovo anno fortunato...fa pure la rima!
    Ciao ragazzi,vado a nanna,sono fusa,
    notte
    postato da elle il 04/01/2008 21:55

    Calamity Jane? No Elle, avevo una tuta da sub. Il Capitano non si è reso conto che su quel pavimento si poteva andare in canoa.In realtà l'incendio non si spegneva perchè l'acqua non arrivava al balcone. Cadeva prima.:-)
    postato da cleide il 04/01/2008 20:55

    Dirò questo dell'atteggiamento dell'impavida Cleide. Aveva un tale sprezzo del pericolo che mentre il nostro appartamentino era invaso da dense nubi di sostanze tossiche e forse letali, mentre proterve lingue di fiamme si allungavano verso i tubi del gas minacciando cataclismi... lei, armata di strofinaccio, dava la caccia a certe bruttine macchioline d'acqua che rovinavano l'estetica di pavimento e casa. :-)
    postato da mio capitano il 04/01/2008 20:15

    x Cleide
    ed io che t'immaginavo per l'occasione vestita addirittura alla Calamity Jane,hai presente Doris Day nel film "non sparare baciami"?...della serie "e spegnamo quest'incendio e poi baciami!",e giu acqua dalla finestra più veloce della luce!!!
    Un saluto carissima:))
    postato da elle il 04/01/2008 20:03

    Un Capodanno scoppiettante, certo non per la monnezza che brucia, ma per la donna che tieni per mano e che ti sta regalando gli attimi più indimenticabili della tua vita.
    E il libro va...
    Va. vedrai che va. I segni favoriti sono i segni di terra e ho l'impressione che tu sia uno di quelli. Hai notizie di Donna Cleide? Avevamo una festa da celebrare, mi pare....domani sera.
    postato da arial il 04/01/2008 19:56

    Elle, il Capitano ha romanzato. O meglio, ha scritto quello che avrebbe desiderato vedere. In realtà lui riempiva i secchi..io ridevo.:-)
    postato da cleide il 04/01/2008 18:40

    Notte indimenticabile senza ombra di dubbio e una storia a lieto fine (fortunatamente,fiuuuù) come quelle che piacciono a me!
    Bellissima e divertente (Cleide non me ne volere!)l'immagine di Cleide che "riempie i secchi d'acqua come una pioniera del West avrebbe ricaricato la sua carabina"
    Ancora tanti auguri di buon anno per tutti e due ^_^
    postato da elle il 04/01/2008 18:32

    ...Notte di fine anno...notte di capodanno, sempre ricca di sorprese...di attese ed anche disattese...
    postato da baronerosso1 il 04/01/2008 18:05

    Mi è capitato qualcosa di simile. Qualche brava persona ha gettato dall'alto numerosi bengala verso tre cassonetti ripieni di spazzatura ed anche di imballaggi vuoti di cartone e di plastica. Tanto ha fatto fin quando un bengala ha dato fuoco al primo cassonetto (l'ultimo a destra). Poco dopo anche i secondo cassonetto (quello centrale) ha preso fuoco ed essendo di plastica, a differenza del primo che era di metallo, ha cominciato a liquefarsi. Le fiamme erano sempre più alte e sarebbero presto passate al terzo cassonetto (il primo a sinistra) affianco del quale era posteggiata un'auto che sicuramente si sarebbe incendiata e, forse, esplosa. Abbiamo cercato di telefonare ai pompieri, alla polizia ed ai carabinieri. Niente da fare. Tutte le linee erano occupate. Fortunatamente due bravi giovani del palazzo di fronte sono intervenuti con dei secchi d'acqua ed hanno spente le fiamme appena in tempo. Peccato che il lanciatore di bengala non fosse individuabile dalla mia posizione, l'avrei denunziato con piacere alla polizia!
    postato da sergio il 04/01/2008 17:44

    complimenti per il libro ed il colorito racconto...oltre che per o spegnimento del fuoco!
    Dubito che conosci l'odore della diossina però...e per fortuna!
    Ciao e buon anno!
    postato da bianca il 04/01/2008 17:15

    RispondiElimina