sabato 9 giugno 2007

Cinema de li mortacci tua contro cinema cinema

Visti due film. Uno vomitevole e uno trascinante. Quello (dal mio punto di vista) vomitevole è Tutti gli uomini del re con Sean Penn. Quello (dal mio punto di vista) piacevole è Apocalypto di Mel Gibson.
Di Sean Penn ho parlato varie volte in questo blog. Non ho mai trovato un film di questo attore che mi sia piaciuto. Mai uno. Assolutamente non vedrò mai più per mia scelta un film con questo scomposto e retorico interprete (il dvd in questione l’ho visto perché me l’ha portato mio fratello, come pure l’altro… e io ho una regola, se ho un film in mano lo vedo, che mi piaccia o no). Sean Penn è un attore che non conosce il significato della parola misura. Ignora il sotto le righe, il basso profilo, la moderazione. Interpreta sempre storie metropolitane, con personaggi corrotti, deboli moralmente, ubriaconi, dove non c’è un personaggio positivo o meglio buono, uno solo perdio, (anche con tutti i difetti e le debolezze che deve avere il personaggio buono moderno). Se Sean Penn interpreta un corrotto, più o meno ha fatto un patto con Satana, se beve è il campione mondiale degli ubriaconi, se sniffa sniffa pure le ceneri del padre come Keith Richards degli Stones, se è un pedofilo si fotte pure i cuccioli di cane. Nel film di ieri faceva un governatore della Louisiana tra il corrotto e l’idealista, e ovviamente sbracava sia quando era corrotto che quando era idealista. E baaaastaaaaa!!!!! Anvedi de pedalà lontano dar Capitano, Sean Penn!

Apocalypto mi è piaciuto. Una bella storia semplice. Avevo letto che c’era molta violenza, ma mi è parso che le scene forti fossero entro i limiti cinematografici moderni, di certo ben al di sotto del più scioccante La passione di Cristo (su cui ho scritto un commento nel post di "Jesus Christ Superstar). Gibson è stato attaccato dalla critica ufficiale, così come veniva attaccato Clint Eastwood quando era giovane. Probabilmente anche Gibson da vecchio sarà acclamato come lo è attualmente il vecchio regista Clint Eastwood. Ho visto tutti e quattro film di Mel Gibson regista. L’uomo senza volto, una storia minimalista di amicizia tra un professore dal volto sfigurato e un ragazzino. Braveheart – Cuore impavido, i patrioti scozzesi contro gli imperialisti inglesi (due film che mi sono piaciuti molto). La passione di Cristo, film davvero troppo violento e con una tesi troppo monolitica e dogmatica, ma che comunque ti fa riflettere. E infine questo suo ultimo lavoro.
Gliene hanno dette di tutti i colori a Gibson su Apocalypto, ma credo che la maggior parte delle critiche siano preconcette. E’ più o meno un Balla coi lupi senza i bianchi, se non in una breve scena finale. Ci sono i buoni e i cattivi molto ben delineati, come è nello stile di Gibson. Il buono è un nativo americano rapito dai Maya per essere sacrificato al dio Sole. Sono raccontate le sue traversie da prigioniero e anche la sua fuga per liberare la moglie che aspetta prigioniera in un pozzo nella giungla. I cattivi non sono i soliti bianchi, ma altri nativi americani nelle persone dei Maya. Ci sono delle evidenti esagerazioni, una tra le tante è il momento in cui la moglie del protagonista partorisce mentre ha l’acqua alla gola (la pioggia ha allagato il pozzo in cui lei è prigioniera con un altro figlio più grande). Tuttavia ci sono fughe nella jungla, Oriazi (un solo Orazio, anzi) disarmati contro schiere di malvagi Curiazi che ti vogliono massacrare. Salti dalle cascate, trappole, cerbottane avvelenate, lotte per sopravvivere. E anche, nella prima parte del film, personaggi tribali ben definiti psicologicamente, senza facile buonismo, con qualche tratto che faceva riandare la mente a scene di Un uomo chiamato cavallo (c’è una vecchia indigena che tormenta un guerriero grande e grosso perché non riesce a mettere incinta la figlia). Il finale? Si salvano tutti (tutta la famiglia, mentre il resto della tribù è stato massacrato senza pietà in tempi diversi). Quando ho finito di vedere questo film, mi sono detto soddisfatto: vaffanculo a Sean Penn e alle nebbie metropolitane, largo al cinema cinema!

2 commenti:

  1. Commenti importati19 giugno 2008 15:48

    Ma chi ti ha mai cercato!!!!!
    postato da Sean Penn il 09/06/2007 13:02

    Grazie
    postato da Mel Gibson il 09/06/2007 13:51

    aggiungerei a questa tua fantastica recensione... se vi capita andate a vedervi una pura formalità
    postato da ste il 09/06/2007 15:31

    potresti fare il recensore dinematografico...come li descrivi tu i film ti viene proprio voglia di vederli! Hey,sotto noto commenti "d'autore",waw:))
    postato da elle il 09/06/2007 15:39

    tanto per lasciare la mia firma anche qui (ho scritto nel post sul tuo papà)! sul cinema questo periodo nn m voglio esprimere... :( baci, naike!
    postato da Naike il 09/06/2007 17:03

    Ciao Cap, c'hai ragione su sean penn e menomale che hai detto la fine del film di Gibson altrimenti non avrei mai avuto il coraggio di vederlo. Grazie
    postato da Paola il 09/06/2007 18:26

    ciao Mio Capitano, ho letto il tuo commento da Adipi.. Non penso che sia sempre vera la tua teoria su chi chiude i blog... prendi mia sorella,miele amaro,l ha chiuso e non ne ha riaperto altri... Secondo me il blog ha senso quando hai qualcosa da dire....da esternare agli altri.. Se si perde questo entusiasmo,come spesso puo' capitare anche per altre cose, si chiude perche non ha piu' senso tenere aperta una parte di te che non ti appartiene piu.. e' una forma di evoluzione della propria persona.. ed i cambiamenti come avvengono nella vita reale avvengono anche in quella virtuale.. buon w. e. ,kiss
    postato da Venere Storpia il 09/06/2007 18:35

    ...ti porto via mezza foto...;) come va?
    postato da matrixwoman il 09/06/2007 18:39

    Comunicato per gli interessati alle storie di Emma. Lunedi su questo blog pubblicherò la puntata finale delle storie di questa fautrice dell'Ottocento. Il finale è quello che avevo immaginato la prima volta che avevo iniziato a scrivere le avventure di questo personaggio, ormai più di un anno fa. Dovrò fare qualche piccolo cambio nelle puntate vecchie (eliminare un certo telefonino che avevo inserito a un certo punto). Per quelli che non sanno di cosa parlo, dirò che Emma era la mia professoressa di italiano alle scuole medie. Credeva nell'Ottocento e nell'amore a prima vista. Per qualche motivo a me stesso ignoto non sono riuscito a dimenticarla, anche se all'epoca mi intimidiva con la sua severità. Ho immaginato che a un tratto fosse catapultata, attraverso una porta temporale, nel suo secolo d'elezione, cioè l'Ottocento. Le puntate vecchie di Emma sono raggiungibili tramite il link a tutti i miei post sulla colonna laterale. Appuntamento a lunedì a tutti gli amici di Emma.
    postato da COMUNICATO SULLE STORIE DI EMMA il 09/06/2007 20:40

    gia,per i pensieri negativi un filmetto mi farebbe proprio bene,magari una bella e spensierata commedia americana in bianco e nero... ciao:)
    postato da elle il 09/06/2007 20:40

    puntata finale di Emma??? Sarò in prima fila!!!!!!!!!!!!!!!!!!! un abbraccio;)
    postato da elle il 09/06/2007 20:59

    Anch'io ci sarò in prima fila...anzi,a dir la verità ci sono già!!!!Sono molto emozionata.Per piacere fa' che sia una bella fine!! Emma se lo merita! Ciao!!!!
    postato da Vitty in prima fila!!!! il 10/06/2007 00:04

    sn contenta che a leggermi nn ti annoi! ma com'è che le palle nn te le vuoi strizzare??? eh? eh?!!? :) ti mando un bacio...naike.
    postato da Naike il 10/06/2007 01:14

    ciao mitico.. sei stato votato nel concorso miss e mister blogger.. se vuoi far crescere i tuoi voti fai propaganda.. finoa fine settembre.. 2007.. intanto cerco di mettermi d'0accordo con tiscali, DA DOMANI PRENDERò IL PSOT DELLA DIREZIONE :-D hihihi ciao grande a presto
    postato da jam il 10/06/2007 01:21

    grazie per il bel commento.. ho cominciato da poco a leggere naike e m'ha incuriosita molto che sia della mia stessa città.. PS Sean Penn fa cagare anche me.. un attore deve saper recitare il che significa saper interpretare ruoli diversi ed essere pur sempre credibile.A lui nemmeno lo scritturano per interpretare altro perchè non sarebbe affatto credibile..
    postato da Venere Storpia il 10/06/2007 13:56

    vengo a restituirti le "tue"foto...sob:(((
    postato da matrix il 10/06/2007 15:07

    Sì, finalmente sono rientrata in un ritmo cristiano. Prima o poi ti scrivo. Per ora devo riprendere anche le redini della famiglia...qui s'è fermato tutto! La piccola dovrebbe andare in centro estivo e noi ancora non ci siamo organizzati. lei è inferocita, vorrebbe stare sempre con me e non capisce che invece le farebbe meglio giocare con i suoi compagni... Non c'è niente da fare c'ho proprio i pupazzetti in faccia.
    postato da Paola il 10/06/2007 16:19

    Miele Amaro contraccambia con affetto i saluti!! Kiss ;D
    postato da Venere Storpia il 10/06/2007 22:50

    Il Napoli torna in serie A, era ora. Vorrei festeggiare, ma aspetto prima che tolgano l'immondizia dalle strade. :-)
    postato da Mio Capitano il 10/06/2007 23:00

    Ho visto anch'io Apocalypto. L'ho trovato niente male ma non eccezionale. Delle storie sui maya trovo estrmamente lirico e virile un vecchio film: Mission con le musiche di Ennio Moricone e tutto il nuovo uomo che diviene il personaggio interpretato da.... sullo sfondo di questi conquistadores cattolici, ipocriti e avidi di spagnolo: bellissima la scena con il prelato coinvolto nei loshi e meschini traffici dei coquistadores, mentre i francescani difendono la comunità degli indios della foresta amazzonica. Il film di Mel Gibson rimane aderente al genere un pò cruento e così di moda ormai dei suoi film ( hai citato la Pasiione di Cristo) ma tuttavia trovo anche aderente ad una realtà, quella vissuta allora, dalle tribù indigene, come ce ne parla Isabella Alliende nel suo ultimo Ines dell'anima mia. Fermo restando quanto possa essere accettabile l'Alliende quando scrive. Bay. Coplimenti per la campetenza!
    postato da ariel il 10/06/2007 23:01

    a braccetto in serie A :))
    postato da elle il 10/06/2007 23:35

    Neanche a me sean penn fa impazzire, ma se vuoi dargli un ultima possibilità guarda Bugie, baci, bambole & bastardi.C'è anche kevin spacey che è uno dei miei attori preferiti. anche se a dirla tutta da quello che ho capito non è che abbiamo proprio proprio gli stessi gusti..a me piacciono molto i film con dialoghi brillanti e da quanto mi hanno detto apocalypto è quasi un film muto. Ciao franz.
    postato da Guiro Karelias il 11/06/2007 11:40

    Mi piacciono pure i dialoghi brillanti, Guiro, ma devono essere abbastanza buoni come quelli dei film di Walter Matthau. Detesto a morte i film cupi che descrivono i tanti malesseri della vita moderna, beandosi e pavoneggiandosi nel farlo, senza mostrare una lucina di ottimismo. La denuncia sociale va bene, ma non il menagramismo e la iettatura. In "Apocalypto" si parla Maya con sottotitoli. C'è molta azione, specie da un certo punto in avanti, e per me va bene così.
    postato da Mio Capitano il 11/06/2007 11:59

    Orpo !!!! Proprio stasera dovevo andare a veder Tutti gli uomini del re. Per fortuna ho letto la tua recensione e mi risparmio 20 euro (7 di biglietto, 5 di birra e 8 di popcorn) !!!!
    postato da Catullo (nome vero) il 11/06/2007 12:53

    I misteri del cinema... caro Capitano, avevo Apocalypto da vedere in una versione... ehm... come dire, non proprio ufficiale e mi sono bloccata perchè il pazzo/a che l'aveva fornita aveva TOLTO i sottotitoli! Capisci che l'unica soluzione era imparare una lingua nuova in tre ore e... ho rimandato! Dopo le tue parole sono certa però che cercherò il film COMPLETO. Un abbraccio A.
    postato da Anathea il 11/06/2007 13:34

    Appena vidi il promo, prima della sua uscita, mi sembrò un film interessante e da vedere! Purtroppo non sono ancora riuscita..ma leggendo le tue critiche positive a riguardo, mi appresto alla visione! Intanto ieri ho rigustato Volver...Io adoro Almodovar, per le atmosfere profonde e vicine che riesce a ricreare, è geniale! A presto! Margot
    postato da margot il 11/06/2007 15:08

    un salto per vedere il nuovo post...ciao, a più tardi:))
    postato da elle il 11/06/2007 15:33

    Ho rivisto il commento che ti ho inviato. Scusami per tutti gli errori. Oh Dio è terribili. Avevo degli occhiali con cui non vedo un accidente. Ho ricordato il nome dell'attore di Mission: il grande Robert De Niro. Anche l' amnesia mi aveva preso ieri pomeriggio! Andrò a vedere il Concerto di Moricone: io adoro le sue musiche! Anche prima che vincesse l'Oscar!!! Grazie del tuo commento sul mio Blog, ma non è solo frenesia, nè il logorante ritmo della vita moderna! E? qualcosa di molto, molto più sottile e che fa un gra logorio nel mio animo: Non riusciursi a sottrarsi alle relazioni d'aiuto: ne sono vittima! BAsta!!!
    postato da cl.ali il 11/06/2007 20:16

    RispondiElimina