lunedì 10 aprile 2006

Il punto esclamativo femminile


Ragazzi, vogliamo affrontare la delicata questione dei punti esclamativi femminili?
Prima pedestre riflessione. Il punto esclamativo rilasciato da una mano femminile ha una diversa valenza espressiva da quando quello stesso segno di interpunzione è siglato da un soggetto maschile (e quasi sempre favorisce sensazioni e suggerisce significati diversi). Esso ha la forza di suscitare nella controparte maschile stati d’animo quasi sempre lieti e spesso gioiosi inducendo la mente alla libera fantasticazione.

Vediamo alcuni scenari contrappuntati da questo segno di interpunzione.
La mano femminile scrive un “Ciao” nudo ed essenziale. Il vocabolo è interpretato come la formula di saluto che effettivamente è.
La mano femminile scrive “Ciao!” accompagnando il termine col segno grafico di cui si parla. Qui la mente virile soggiace a un’esitazione amletica. Nota che il punto interrogativo conferisce molta più forza espressiva alla sobria formula di saluto e non può fare a meno di chiedersi se sia stato lui, con la sua simpatia e il suo fascino, talvolta bistrattati ma pur sempre notevoli, a suscitare quella maggiore enfasi letteraria.
L’elegante mano muliebre digita “Ciao!!” E qui i punti esclamativi sono ben due. Nessun cervello maschile può restare indifferente a questa circostanza, giudicandola inusuale e senz’altro portatrice di reconditi significati subliminali, che tuttavia si ha timore di interpretare nella loro massima estensione. Due punti esclamativi non possono essere frutto del caso. Ma devono contenere un messaggio, magari più facile da decrittare di un geroglifico egiziano. Dopo potenti conflitti interni, si riflette che comunque le tastiere di computer hanno la brutta abitudine di castigarti se esiti per qualche centesimo di secondo su di esse.

E siamo al “Ciao!!!!!!!!!!!!!!” Qui in punti interrogativi possono variare da tre all’elevazione all’ennesima potenza. La suddetta è una costruzione sintattica che mette in sommovimento tutto l’essere mascolino. C’è già la primavera che ti mette in fibrillazione, facendoti immaginare cose senza capo né coda. Ora l’alleanza letale tra la bella stagione e il reiterato punto esclamativo femminile ottiene l’effetto di scardinare l’equilibrio interno faticosamente raggiunto. Quindi mediti se non sia il caso, dopo quella messe di segni di interpunzione, di mandare una e-mail all’audace collega virtuale (calamità da evitare in ogni modo perché si incorrerebbe in una risposta cupa, formalissima, con accenni a tragedie familiari e traumi infantili che solo di recente si cerca di superare).

Dalla nostra valutazione, possiamo dunque estrapolare il consiglio all’universo femminile di rilasciare con moderazione l’uso di questo vigoroso segno di interpunzione, onde non peggiorare la condizione esistenziale della controparte sessuale.

1 commento:

  1. Commenti importati27 agosto 2008 15:04

    E direi che c'hai ragione!!! Ops! Vabbè basta così!!! Bacio(!?)
    postato da Signora delle Ore Scure! il 10/04/2006 13:55

    Accidenti, penultimo!!! E chi ci aveva mai pensato a questa cosa???? (Valgono anche i punti interrogativi????) Dopo aver letto questo post ci farò sicuramente più attenzione!!! Baci!! ;o)
    postato da margot!!! il 10/04/2006 14:02

    Ottima analisi. Ormai tra l'altro se qualcuna scrive un "ciao" privo di punti esclamativi lo si interpreta come un saluto glaciale del tipo "ah, sei ancora tu?" Per quanto riguarda il mio lavoro, progetto circuiti integrati analogici, ovvero alcune di quelle cosine nere che vedi sulle schede dei PC, dei cellulari e qualsiasi altra porcheria elettronica. Però visto che negli USA nessuno lavora dopo le 17, la California me la sono goduta lo stesso (a fine gennaio ho anche generato un post in proposito).
    postato da Colui che vede Oltre il 10/04/2006 14:16

    Sorrido, anzi sghignazzo. Un commento al mio ultimo post si conclude con tre punti esclamativi maschili che mi fanno riflettere non poco "...spero anche che i 2.500.000 italiani nel mondo che hanno diritto di voto non siano abbagliati dalla sua figura ma che si ricordino del perché sono andati via!!!", che sia una minaccia? (Ma sono andati tutti via per la stessa ragione?) Insomma maschile, femminile o neutro, il punto esclamativo ci porta a riflettere.
    postato da zampa il 10/04/2006 14:35

    ciao penultimo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! guarda un po' quanti ne ho lasciato...eppure non mi ci ritrovo, parlo x me...io scrivo sempre-ciao...-con i puntini di sospensione oppure con le stelline -ciao***- che fa tanto teen,oppure mi sembra a volte di ricevere un ciao con due o (ciaoo) che fa molto + "oh ciao!sono così contento di dirtelo!" boh mi sa che mi sono un po' incartata...cmq sia...hai votato? sxo BENE A PRESTO e baci ciao.....
    postato da jovelly il 10/04/2006 14:41

    Ragazze, grazie comunque per i vostri punti esclamativi, i quali rendono più dolce l'esistenza. "Ancora, Ancora" Edoardo De Crescenzo.
    postato da aspettando gli exit poll il 10/04/2006 16:16

    ...ma quanto mi piacciono gli esclamativi!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    postato da elle!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! il 10/04/2006 16:19

    sei GRANDE! questo dimostra quanto voi uomini prendete punti per puntelli... il tuo tema capita a fagiolo: ho appena mandato un sms nel quale dicevo di non confondere la simpatia con altre voglie... beh, non pubblico la replica. ciao, nudo e crudo ;-))))
    postato da sempreio il 10/04/2006 22:20

    Dici che dovrei andare a rivedermi la mia punteggiatura...? Ciao (!... con moderazione) :-)
    postato da filo rosso il 10/04/2006 23:03

    grazie del tuo commento,sei carinissimo,un bacione!
    postato da danyD il 11/04/2006 01:48

    Però che bravo che sei! Fare un post sul punto esclamativo! Il solo fatto che tu abbia pensato di scrivere un pezzo su questo tema ti fa meritare il mio rispetto! In giro è tutto un cianciare di politica e tu hai l'ardire di parlare di punti esclamativi! Bravo! Se fossi te, mi farei i complimenti da solo!
    postato da Il prigioniero di Zenda il 11/04/2006 12:49

    Noooo. Non è possibile che gli uomini facciano tutti questi giri mentali per così poco! Adesso, starò attenta anche alle vigole, non si sa mai. Per non parlare dei puntini di sospensione. Chissà che cosa vi viene in mente, a voi masculi....
    postato da Sibilla il 11/04/2006 15:00

    ciao prigioniero! scherzi a parte, io credo che in ultima analisi tutti noi, uomini e donne, leggiamo ciò che ci fa piacere leggere. e quindi interpretiamo le punteggiature a nostra discrezione. scrivendo ci piace enfatizzare con punti escalamativi, leggendo ci capita di idealizzare anche il più piccolo segno che ci faccia sentire ciò che vorremmo dalla persona che si rivolge a noi. tutto questo avviene in un'era in cui ci si parla sempre meno guardandosi negli occhi e sempre più dietro uno schermo o un telefono. ah, l'amore 750 mila anni fa! o l'amicizia, o la passione... un pensiero a tutti voi in questa giornata di risultati elettorali. ciao
    postato da sempreio il 11/04/2006 17:08

    Non ne farei una questione di genere: potrei portare fulgidi esempi di maschilissima retorica della punteggiatura, ad usum seductionis, al 99,9%. Finisce, credo, sempre che la punteggiatura (tutta) è tanto più abusato quanto meno è conosciuta. Ciao :)
    postato da Manouche il 12/04/2006 02:28

    oh my goooaad!!! penultimo! questo sembra un post scritto da pico de paperis per dimostrare la sua laurea in puntoesclamatologia....
    postato da ivy phoenix il 12/04/2006 16:11

    Grazie, ivy, per avermi ricordato pico de paperis, personaggio che avevo dimenticato. Bacio.
    postato da penultimo il 12/04/2006 17:02

    Minkia mi hai fatto scompisciare!!! Com'è vero quello che dici... il problema è che io la vivo spessoall'inverso! Basta un punto esclamativo e io passo il giorno a scodinzolare:D Che ridere Miss!!!!
    postato da MissMagda!!!!!!!!!!!!!!!!!!! il 20/04/2006 10:54

    RispondiElimina