domenica 25 febbraio 2007

Dico


Dico che che l’amore è un argomento molto più importante della caduta o della non caduta di un governo. C'era un punto interrogativo, ma l'ho tolto.
Si farà un altro governo, un Prodi bis, un D’Alema Revenge, un Marini Balnear, un Mastella Padella, un Berlusconi The Return, un Tutti i Tecnici del Presidente. Potrebbe rientrare in ballo, chi lo sa, perfino Andreotti l’Immortale. Il Re è morto, viva il nuovo governo. Chi avvertirà la mancanza del vecchio esecutivo? Chi sentirà che la sua vita è terremotata dalla caduta di Prodi o di un altro Presidente del Consiglio? Ma se cade il tuo amore e non viene sostituito, di certo te ne accorgerai. Se scompare una persona cara al tuo cuore, non c’è alcun dubbio che la tua vita verrà terremotata, che proverai dolore e spargerai lacrime.

Dico che l'amore è un argomento più importante di guerre, lotte sociali, rivoluzioni. C'era un punto interrogativo qui, ho tolto pure questo. Non ho dubbi sul fatto che guerre, lotte sociali e rivoluzioni vengano, sulla scala delle priorità esistenziali, dopo il sentimento che mette insieme due esseri umani rendendoli uno. Il mio è solo un modo di riprodurre l’abusato e ingenuo “Fate l’amore e non fate la guerra”? Potrebbe darsi, ma è certo che nelle gerarchie vitali l’amore viene prima della guerra e che anzi quest’ultima deve solo considerarsi un sottoprodotto della spinta riproduttiva umana di cui il principe dei sentimenti è componente essenziale e precipuo.
Dico che l’amore sopravanza arte e letteratura, filosofia e scienza, musica e poesia. Anche qui, è chiaro, era piazzato un punto interrogativo che ora è sparito. Nessuna incertezza sul fatto che tutte quelle discipline siano soltanto prodotti di scarto, più o meno incidenti di percorso dell’impulso alla procreazione di cui l’amore è componente essenziale e prioritario. Nessuna incertezza sul fatto di aver detto la verità.

Dico che l’amore pesa perfino più della tua stessa vita. Dico che questo sentimento viene prima della difesa della tua esistenza. E tanti saluti al segno di interpunzione cancellato, che era più debole di quello attuale.
Lo so che non mi credi, amico mio. Mi pare di vedere la tua faccia sbalordita. Ti starai chiedendo se sono impazzito o se mi sono preso qualche attacco di romanticume fanciullesco alla Figli dei Fiori. Per quanto ti riguarda, starai pensando, non ricordi nemmeno l’ultima volta che ti sei innamorato. L’amore? Boh, chi l’ha visto? Hai scordato cos’è questo sentimento, dubiti perfino che esista e anzi ti fai delle gran risate quando ti imbatti in omaccioni grandi e grossi che ne parlano senza vergognarsi. L’amore non c’è, pensi, e se pure ci fosse sarebbe una cosa molto diversa da come viene normalmente percepita, molto più prosaica
Questo discorso ci porterebbe lontano, ti dico solo questo. Se tu fossi innamorato - innamorato sul serio - e dovessi scegliere tra l’amore e la morte, probabilmente sceglieresti la seconda. Non fare quella smorfia incredula. Non sorridere con quel cinismo di chi la sa lunga. Sceglieresti la morte non perché sei un eroe. Non perché sei un temerario capace di lanciarsi in una pazza carica dei Seicento a Balaklava… Lo sappiamo tutti e due che sei un bravo ragazzo della porta accanto che non vanta gesta epiche. Lo sappiamo che eviti di litigare con il prossimo anche quando per strada ti chiamano Mezzasega, o quando qualche furbastro ti passa davanti nella fila all’ufficio postale. E’ inutile pure ricordare che la tua ultima scazzottata risale ai tempi del liceo, occasione in cui ne hai prese un bel po’, anche se qualcuna l’hai data pure tu. Io ti dico questo, coraggioso o non coraggioso, incosciente o non incosciente, se dovessi difendere la persona amata a prezzo di sacrificare te stesso, lo faresti. Non perché sei un eroe, non perché sei un pazzo. Sceglieresti la morte perché il tuo cervello ha delle priorità. Ha una scala di importanza che è stata stabilita tanto tempo fa, quando l’uomo non era ancora uomo, quando non era stata ancora inventata la parola. Tra due beni in conflitto, il tuo cervello deve scegliere il bene maggiore, quello che l’evoluzione ha selezionato come il fine più importante. E su quella scala di priorità definita tanto tempo fa c’è scritto questo: l’amore viene prima della tua stessa vita. O è così o tutti quelli morti per amore sono pazzi: e allora la Storia sarebbe piena di squilibrati.

1 commento:

  1. Commenti importati1 agosto 2008 22:22

    Fai davvero desiderare di innamorarsi immediatamente!
    postato da Mati il 25/02/2007 19:49

    Filosofia spicciola ma reale A&D
    postato da A&D il 25/02/2007 19:55

    ...io ti crederei! Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l'altro s'allontana. Oh no! Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai; è la stella-guida di ogni sperduta barca, il cui valore è sconosciuto, benché nota la distanza. Amore non è soggetto al Tempo, pur se rosee labbra e gote dovran cadere sotto la sua curva lama; Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio: se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato. (William Shakespeare) ciao mio capitano,buona serata!
    postato da elle il 25/02/2007 20:44

    tristezza, ma di una tristezza...
    postato da m il 25/02/2007 21:39

    hihihi, mammeta! bello.
    postato da hihihi il 25/02/2007 21:49

    Visto che siamo così fortunati, noi partenopei da disporre di una parlata così efficace e musicale, cerco di farvi ricorso per farne beneficiare anche il prossimo svantaggiato geograficamente.
    postato da Mio Capitano il 25/02/2007 21:54

    Perfettamente daccordo con te Franz Buona notte :)
    postato da Angelica il 25/02/2007 22:43

    Sono molto lieto del tuo apprezzamento, Angelica, perché se c'è una persona che sa di cosa parlo sei tu. Buona notte a te.
    postato da Capitan Franz il 25/02/2007 23:14

    A volte capita che le persone cambino vestito, ma sai che il loro animo è quello, qualsiasi cosa io sono e sarò sempre A&D perchè anche se Magnolia è un nik bellissimo A&D sono le iniziali del mio vero nome A&D
    postato da agroedolce/Magnolia il 25/02/2007 23:22

    Perché lo dimentico? L'amore. Cos'altro? Grazie per averlo riproposto alla memoria.
    postato da Oblomov il 25/02/2007 23:24

    E' perchè ce n'è troppo poco , che le cose nel mondo vanno tanto male!!! D'altronde lo scrisse anche il sommo poeta...."L'Amor che move il sole e l'altre stelle" Buona serata Mio Capitano!
    postato da vitty il 25/02/2007 23:40

    Buon giorno r buon inizio di settimana A&D
    postato da agroedolce il 26/02/2007 09:51

    Oggi giornata di pioggia nella Citta d''o Sole. Ho fatto un curioso sogno. Andavo a scuola. I miei compagni di classe erano ragazzini della scuola media, da cui cercavo di copiare i compiti e farmi prestare i libri, dato che non avevo né zaino né cartella. nessuno badava al fatto che nel sogno io avessi un'età adulta. Il mio insegnante era un notissimo politico non affetto da povertà acuta. Dato che anche nel sogno era un uomo potente avrei voluto farmi dare una raccomandazione da lui, ma esitavo a parlare (maledizione, pure nelle mie avventure oniriche non sono molto spigliato!). Infine presentavo al mio insegnante (il politico non povero) un compito per fare colpo... era esattamente il mio post sul pugilato intitolato "Ode a un eroe silenzioso"). Il politico-insegnante ha guardato il mio compito sul match Frazier-Alì, ma non ne è rimasto per nulla impressionato. Fine del sogno. Probabilmente devo aver mangiato troppo ieri sera. :-)
    postato da Capitan Onirico il 26/02/2007 11:08

    L'amore vive ovunque. Vive sui rami secchi dell'inverno. Sui neri baffi di un gatto. Sui canditi di un gelato. Sulle mani bianche di un ammalato. Sui gridi chiassosi delle albe. Sulle labbra rosse di una donna. Sulla pelle distesa sui prati. Sul marmo delle vette. L'amore è tra il vento. Tra le parole. Nei silenzi .. . Amare è come morire. Si, scelgo la morte, senza l'amore. Perchè solo chi ama è immortale. un abbraccio Capitano
    postato da marion il 26/02/2007 12:16

    amore è un concetto vasto e se non ci fosse l'amore non ci sarebbe storia, letteratura, popolo. è vero che l'amore porta a sacrificare la propria vita: l'amore individuale o l'amore per il proprio popolo. La storia di tutti i giorni e la storia ufficiale in effetti si basano su questo.
    postato da flyer il 26/02/2007 12:29

    Hai ragione sotto ogni punto di vista, Capitano. E non ho nulla da aggiungere.
    postato da Amfortas il 26/02/2007 13:51

    niente scuse solo colori scusarsi e' come avere pochissima memoria tentiamo passi un po' confusi spargendo a terra petali e fiori ... e noi siamo quello che siamo ladri di parole d'amore anime poco impermeabili a bere questa pioggia che scende
    postato da matrixwoman il 26/02/2007 15:31

    eccomi qui non potevo mancare oggi neanche dalla mia nuova sede di lavoro (x bontà di una collega) ho telefonato al mio ex-responsabile: l'ho supplicato di trovare il modo di farmi tornare a lavorare con lui incrociate le dita x me Saluti a tutti e...Viva l'AMORE!
    postato da Angelica il 26/02/2007 16:51

    il gruppo etnico erano gli zingari, ma non era importante specificarlo perchè potevo incorrere in generalizzazioni ed essere fraintesa :)
    postato da flyer il 26/02/2007 17:10

    Credo di conoscere bene l'argomento e non posso che essere totalmente d'accordo con te!
    postato da vento il 26/02/2007 17:54

    Intrippati con l'amore, io e te, eh? Che coincidenza :D... ed è coincidenza anche una cosa che ti spiegherò subito. In primis, devi sapere che tra le mie amiche sono venerata come una specie di Feticcio dispensatore di Consigli (feticcio non nel senso che faccio puzza, ndr! - battuta idiota-). Si siedono intorno a me, mi raccontano i loro amabili quanto paranoici, intricatissimi inner-struggles, tormenti interiori tardoadolescenziali del tipo: "Mi piace quello lì ma non so se lo amo, mi ha baciato e io l'ho baciato e poi gli ho detto che non lo voglio vedere ma poi l'ho ribaciato e alla fine ho deciso che mi fa schifo ma gli ho mandato un sms per dirmi che mi manca e per insultarlo" (solitamente cose di questo genere) Ora, immaginami quieta nel mio maglione a dolcevita, lo sguardo degno di un buddha che ha ormai raggiunto il nirvana, sereno, tranquillo, ebete (del tipo: ma che ci faccio qui?!) che ogni tanto snocciolo qualche perla di saggezza cruda o sibillina che sia. A tratti mi sento come l'Oracolo di Matrix, solo che non sto sulla panchina, sto su una sedia in una classe lurida. Questa era una premessa indispensabile sebbene lunga e noiosa. Ebbene, tra le varie, profetiche frasi da me spesso dispensate c'è questa: alla ragazza in crisi amorosa che mi chiede "non so cosa provo per lui" dico "Facile capirlo. Immagina di essere di fronte a qualcuno che sta per ucciderLo. Se il tuo istinto immediato, sincero, forte e chiaro è quello di proteggerLo e morire tu al suo posto, complimenti, hai vinto: questo è amore." Ormai questo concetto e questa frase, nel mio repertorio di consigli ad amiche disastrate, ha compiuto 5 anni. Sfortunatamente, in poche hanno articolato una qualche risposta...
    postato da Laura il 26/02/2007 18:25

    Certo, cara Lauretta, che l'espressione "Non so cosa provo per lui" è formidabile. Se non sai cosa provi per lui, sai perfettamente cosa provi... possibile che così poca gente riesca a fare questo ragionamento? :-)
    postato da Mio Capitano il 26/02/2007 18:53

    "Amor che nella mente mi ragiona .. ." Questa foto mi piace. Eterea e sensuale quanto basta. Ossequi, Capitano
    postato da marion il 26/02/2007 19:13

    Dico nel senso di dico? Il che giustifica l'apertura post mortem sul governo. Allegro, ciccio, l'amore è un virus. Dopo un poco di febbrone ti rialzi e sei guarito. Pronto per ricadere ammalato.
    postato da merit il 26/02/2007 19:32

    Merit, questo post era nato al congiuntivo interrogativo ed è passato all'indicativo affermativo. Se sei sicuro di ciò che dici a che ti servono i punti interrogativi? :-) Marion, in effetti la foto garba pure a me. Sorriso pure a te.
    postato da Capitan Franz il 26/02/2007 20:23

    A VOI tutti , VOI che alimentate la speranza , VOI che combattete tutti i santi giorni gli agguati della vita , VOI siete il vento che corre , il sole che nasce ,luce che illumina e scalda i cuori , per tutti VOI.....grazie e nn combiate mai _ un grande abbraccio indio ps: perdonatemi se son poco presente , abbiamo preparato un volantino aggiornato, x la piccola azzurra ...Talulah che significa "acqua che salta" ,si può scaricare a questo link e diffondere anche via terra portare nei locali , banche ..insomma dappertutto , poi attaccheremo via cielo e se necessario chiameremo le frecce tricolori per scriverlo anche nel cielo : TIENI DURO PICCOLA TALULAH eccovi il link http://groups.google.com/group/censurati/web/immagini?hl=it ciao capitano !
    postato da indio il 27/02/2007 09:52

    Infatti la storia E' piena di squilibrati.. Guiro
    postato da Guiro Karelias il 27/02/2007 10:09

    Oggi ottima giornata di sole, pare quasi aprile. Nessun sogno da riferire, ma una promessa per indio. Scriverò un post su Cavallo Pazzo, ossia sul più grande condottiero degli indiani d'America, l'Ettore, il Garibaldi dei Sioux, l'uomo venerato ancora oggi tra i nativi americani come un messaggero divino, l'uomo che sconfisse il pomposo e vanitoso Custer... l'uomo che non poteva amare. Ci vorrà un po' di tempo, è roba per la settimana prossima. :-)
    postato da Capitan Sioux il 27/02/2007 10:45

    oggi vi saluto con un pezzetto di "Che Coss'E' L'Amor" di Vinico Capossela Che cos'è l'amor chiedilo al vento che sferza il suo lamento sulla ghiaia del viale del tramonto all' amaca gelata che ha perso il suo gazebo guaire alla stagione andata all'ombra del lampione san soucì
    postato da Angelica il 27/02/2007 12:41

    amore... un modo come pochi altri di morire.
    postato da illogico il 27/02/2007 13:44

    Non ho parole
    postato da Paola il 27/02/2007 16:44

    ciao mio Capitano,passavo di qua a sentir parlar d'amore...un saluto:)
    postato da elle il 27/02/2007 16:54

    Godete (in senso leopardiano) ragazze (ma anche ragazzi) perché ho idea che il mio prossimo post avrà un taglio diverso. Ecco un verso di una canzone dei Giganti (anni Sessanta, il titolo è "Tema"): "Penso che l'amor sia la più bella cosa che..." E ancora sempre dalla stessa canzone "Viva viva l'amor / Perché è l'amore che mi manca / Viva viva l'amor..."
    postato da Mio Capitano il 27/02/2007 18:04

    Certo. Ho scritto dell'amore ma, al solito, l'ho fatto dal punto di vista di chi non ci crede più. Non in quello che può provare un giovane cuore pulsante. Ti lascio il link del mio racconto. Poi dimmi che ne pensi e ricorda sempre che scrivo, dunque interpreto ciò che è mio da un punto di vista esterno alla mia mente. Dimenticavo: leggi anche i commenti di Arturo. C'è molto di lui e della sua eccezzionale mente. Per la prima volta lui si racconta. Così, chi non lo conosceva che dal suo blog può comprendere il motivo dell'acuto dolore che provo per la sua scomparsa.
    postato da merit il 27/02/2007 18:07

    il tuo post mi ha fatto venire in mente la storia dei lucchetti a ponte milvio,quelli lasciati dagli innamorati per dichiarare il suggello d'amore e puta caso ho sentito dire che la sinistra vorrebbe toglierli e la destra così legata ai valori non condivide vedi che c'entra la politica con l'amore?' scherzi a parte io vivo per l'amore l'affetto e sono sempre assetata di affetto mi piace darne e riceverne eppure qualche brutta parola fine l'ho sentita pure io ma non mi arrendo. sbaciuz
    postato da asietta il 27/02/2007 20:30

    ciao
    postato da arteeparte il 27/02/2007 20:48

    cioè... l?amore in che senso? banale? platonico? carnale? fisico? psicologico? comunque sia, se non avessi amore, se ci fossero le guerre... preferirei morire. a presto. Tali p.s. ho visto che sei sulla colonna dei raccomandati di Tiscali. complimenti, sapevo sarebbe accaduto. te lo meriti :) ciau
    postato da tali il 27/02/2007 22:23

    Dato che in televisione sta facendo il festival di Sanremo presentato da quel ferrovecchio di Baudo, sembra l'occasione per qualche rispotina. Tali, Beati voi in Spagna che non avete il problema di liberarvi di Baudo. L'amore, come ti dissi sul tuo blog, è uno solo a quanto ne so. Gli altri sono altra cosa. Grazie per i complimenti. arteeparte, vai di corsa, vedo. ciao. asietta, anche a te dissi che temo, a dispetto del romanticismo (ma forse è solo realismo) di questo post, che i lucchetti su ponte Milvio non rimarranno chiusi a lungo. merit, Nessuno può insegnarti niente in tema di originalità di post, ma forse se ci mettessi un pizzico più di amore, anche non troppo sofisticato... elle, la tua presenza porta aria fresca in questo blog. E vaiii. Paola. "Ho perso le parole / eppure le avevo qua un momento fa". :-) illogico, Forse la tua frase viene bene pure all'inverso: morire un modo come pochi altri di amare. Angelica, Capossela va alla grande su internet. E dire che fino a poco non lo conoscevo nemmeno. Capitan Sioux, Aspettiamo trepidanti il tuo post su Cavallo pazzo. GOOOODIMENTOOOOOOO!!!!!! E' la prima volta che mi rispondo da solo. Stappiamoo le bottiglie. Spero che non sia un sintomo preoccupante
    postato da Capitan Franz il 27/02/2007 22:57

    Lamore è amore solo se è amore vero.
    postato da Solomania il 27/02/2007 23:23

    Buongiorno Franz qui' tira aria di noia assoluta sembra che il lavoro da fare sia poco...come faccio a passare il tempo?
    postato da Angelica il 28/02/2007 10:30

    RispondiElimina