sabato 30 settembre 2006

Damme nu vaso primma ca moro


Damme nu vaso cu sta vocca zuccarella,
damme nu vaso roce ca sape e fravole cumm’atté,
damme nu vaso primma ca moro
e damme nu vaso, famme campà pur’ammè.
Nu vaso che te costa?
Puro si nun me vuo’ bbene,
puro si nun me può suppurtà,
damm''a vocca toia e famme arricrià.

Ma t’è vista che femmena ca sì?
L’e viste chilli capille luonghe e lisce?
E chill’uocchie chine e cielo
e chelli braccia ianche e secche
‘ngopppa a stu pietto maniariello
ca me fa fregnere ‘ncuorpo?
L’e capite ca me facesse accirere pe nu vaso tuoio?
Pe nu vaso e sta vocca bella?
Nun sto pazzianno, uagliò,
me manca ‘o ciato solo a ce penzà.

E mmane toie, po’, nun se ponno raccuntà.
So’ ‘e mmane e na’ reggina
e n’angelo r’’o paraviso,
so accussì peccerelle e fine ca facessero nnammurà
pure ‘e muorte e Puceriale.
E quanno te miette ‘o smalto russo,
maronna mia, i’ te magnasse tutt’’e dete.

Si’ proprie na ‘nfamona,
tutto stu bbene e Dio t’’o ttiene pe’ tté,
quanno putisse fa arriciatà tant’uommene
ca se so’ scurdate ‘o doce e ll’ammore.
E damme nu vaso, famme campà pur’ammè.
Famme campà cinche minute ‘mmocca a Dio,
Fa’ chest’opera e carità.

Questa è la traduzione dal napoletano, sempre con l’avvertenza che la traduzione del dialetto lo avvilisce e che quindi sarebbe bene leggere solo la versione originale.

Dammi un bacio con questa bocca di zucchero,
dammi un bacio dolce che sa di fragola come te,
dammi un bacio prima di morire,
dammi un bacio, fa’ vivere pure me.
Un bacio che ti costa?
Pure se non mi vuoi bene,
pure se non mi puoi sopportare,
dammi la tua bocca e fammi felice.

Ma ti sei vista che donna che sei?
Li hai visti quei capelli lunghi e lisci?
E quegli occhi pieni di cielo
e quelle braccia bianche e snelle
sopra questo seno piccolo
che mi fa vibrare dentro?
L’hai capito che mi farei uccidere per un tuo bacio?
Per un bacio di questa bocca bella?
Non sto scherzando, ragazza,
mi manca il fiato solo a pensarci.

Le tue mani poi non si possono descrivere.
Sono le mani di una regina,
di un angelo del paradiso,
sono così piccole e sottili che farebbero innamorare
pure i morti di Poggioreale.
E quando ti metti lo smalto rosso,
madonna, ti mangerei tutte le dita.

Sei proprio senza cuore,
tutto questo ben di Dio lo tieni solo per te,
quando potresti far felici tanti uomini
che hanno dimenticato com’è dolce l’amore.
Dammi un bacio, fa’ vivere pure me
Fammi vivere cinque minuti vicino a Dio,
fa’ quest’opera di carità.

1 commento:

  1. Commenti importati7 settembre 2008 12:10

    Belle parole..anche mia mamma è della Campania... Quindi conosco bene le canzoni napoletane, dolci e struggenti allo stesso tempo.. ciao anty
    postato da Anty il 30/09/2006 18:59

    un bacio al prezzo di un emozione, di una vibrazione, di un sorriso, al gusto di cioccolato, di fragola o fresco come una fetta d'anguria in estate! un bacio con gli occhi socchiusi, caldo d'amore, racchiuso fra due morbide labbra... un piccolo bacio "soffiato" per te...smack:)
    postato da elle il 30/09/2006 19:17

    sono rimasta immobile a leggerla tutta fino a quando non l'ho finita. ... edimmmeee che me vo' bbene... comm'io...
    postato da Alatiel il 30/09/2006 20:25

    Molto bello tutto il post, veramente appassionato e sensuale. buona domenica da Matrix + sorriso!
    postato da matrixwoman il 30/09/2006 20:33

    Foto spettacolare e canzone mozzafiato, bellissimo...(attenzione è in circolazione Cyber-woman...) Un mieoooo domenikale, Cat!
    postato da cat il 30/09/2006 20:39

    per cat Questa non è una canzone, ma un mio indegno componimento. Damme nu vaso, femmena iatta, e famme campà (Dammi un bacio, donna-gatto, e fammi vivere). :-)
    postato da Mio Capitano il 30/09/2006 20:43

    Subito, subito sbaciuik, mieuuuu... sembra proprio una canzone
    postato da cat il 30/09/2006 21:14

    Bene, il talento va premiato: anch'io che sono il Superio, non posso che elogiare tutto questo...cmq controllo!!!^__^
    postato da Cyber-woman il 30/09/2006 21:17

    Per fortuna hai pubblicato la traduzione. Mi stavo già chiedendo cosa ci facesse un innamorato con un vaso. :-) E' una poesia bellissima, e mi dispiace di non poterla apprezzare nella sua lingua originale. Baci, filo
    postato da filo rosso il 30/09/2006 21:24

    Troppo forte...il vaso...comm..precedente. Scusa ma lacrimo dal ridere e questo post non merita risate ma sorrisi a non finire, molto bello, molto dolce, ci sai fare...ma il vaso...hehehe...troppo forte!
    postato da Alzata col pugno il 30/09/2006 21:34

    Ragazzi, sto per uscire per vagare alla stregua di un fantasma nella notte bianca napoletana. Dubito di incontrare "na nenna zuccarella ca ne vasa mannanneme 'nparaviso" (una ragazza carina che mi baci mandandomi in paradiso). Mi rifarò con Francesco De Gregori atteso a piazza Plebiscito, anche se non credo che un bacio del pur ammirato cantautore mi procuri emozioni celestiali. Per quanto riguarda il vaso, è noto che vasare è il verbo baciare in napoletano ("I' te vurria vasà"). Dirò peraltro che nel napoletano moderno si dice molto più spesso bacià al posto di vasà (in effetti io non direi mai in dialetto "Mo' te vaso" - ora ti bacio - ma userei la forma "Mo' te bacio", a meno che non volessi usare un tono ironico. Se riesco a tornare vivo e vegeto dalla notte bianca napoletana - e non è affatto detto che accada - rilascerò un commento su alcune modifiche linguistiche del napoletano moderno, che come tutti i settori localistici di questo mondo sta cedendo il passo al globalismo (in questo caso al globalismo della lingua italiana). Trovo che la forma "vasà" sia bellissima e fortunatamente nella mia città ci sono ancora cospicui settori di popolazione, quelli più tradizionalisti, che la utilizzano. Un bacio, cioè un vaso, a tutti gli avventori del blog e segnatamente alle donzelle appassionate. :-))
    postato da Capitan Fantasma il 30/09/2006 22:00

    ...buona notte bianca!
    postato da Sara il 01/10/2006 02:18

    Ho cancellato un commento in cui definivo le moderni notti bianche delle nostre città come l’ultimo fenomeno dell’aspirazione al paganesimo mai superata dall’uomo nonostante questo suo sciorinare i fasti di internet e della tecnologia satellitare imperante. Usavo spesso il verbo paganeggiare, in quel commento; e lo usavo dando l’impressione che la cosa che mi dava più fastidio era che io non potessi coniugare il verbo dei moderni pagani come facevano i miei epicurei compagni partenopei. Dato che ci facevo la figura della volpe che critica l’uva irraggiungibile (ma quell’uva sarà davvero buona? me lo sono chiesto molte volte), ho preferito tornare a riflessioni più ortodosse. Sto scrivendo un commento sui cambiamenti intercorsi nel dialetto napoletano negli ultimi decenni e delle differenze comunicative palesatesi nella mia città nello stesso arco di tempo (con l'italiano che guadagna costantemente terreno sulla parlata partenopea). Dato che mi sta venendo lungo e credo pure bello ne farò un post che pubblicherò al più presto. In realtà il mio commento sta venendo troppo lungo e articolato perfino per un post singolo. Per il resto, fui fulminato da questa splendida creatura in un giorno di agosto. Mi resta solo qualche foto di quell'esperienza (una delle tante illusioni che puoi alimentare su internet), ma ho scoperto che non ho nessuna difficoltà a scrivere post di orientamento sentimentale guardando qualcuna di quelle foto. Non credo di essermi innamorato a quell’epoca, credo però di avere avuto a che fare con potenti forze elettrochimiche che mi hanno intontito. Saluti a tutti i viandanti. :-))
    postato da Mio Capitano il 01/10/2006 14:28

    Primma ca mori? eccoti il mio bacio..... ;o) Giadadeldeserto
    postato da Giadadeldeserto il 01/10/2006 23:15

    Ok!Ok! Eccoti un BACIO, Mio Capitano. ;) Smaaack, Michelle.
    postato da Michelle il 02/10/2006 01:10

    ....................... senza parole...........:_)
    postato da iris il 02/10/2006 12:28

    Sono giornate frenetiche per me, ho letto la mail e ti rispondo appena posso. Scusa la stringatezza del commento del tutto OT. Ciao :-)
    postato da Amfortas il 02/10/2006 13:49

    RispondiElimina