lunedì 4 settembre 2006

Soave gola di vergine


Sai che c’è, amore mio, tesoro, vita mia? Ho una gran voglia di baciarti la gola, la gola eburnea, proprio sotto il mento, dove sei tenera e sensibile, vorrei pure darti qualche piccolo morso su quella gola tenera, senza farti male, fanciulla, con delicatezza, vorrei appagarmi con la tua gola indifesa, fresca e bianca, deliziosa da addentare, e vorrei che tu me la offrissi senza timore, vorrei che ti abbandonassi al mio volere e che mi porgessi il collo con piena fiducia.
Dai, rilassati. Non ti faccio male. O almeno solo un pochino. Sta’ calma, abbandonati a me. Ecco, li senti? Li senti i miei canini pulsanti che lambiscono la tua pelle innocente? Senti quanto è grosso e duro il mio desiderio contro il tuo ventre? Aspetta, ora. Aspetta che le mie narici dilatate si colmino del tuo profumo di donna. Ahhhhh, come odori di femmina. Sei femmina, femmina. Sei femmina e sei mia. Ora con la lingua assaggio il velo di sudore della tua pelle. Sai di buono, lo sai? I tuoi profondi umori di giovane donna hanno un gusto unico. Però non posso fermarmi, tenera e delicata fanciulla che ti abbandonasti tra le mie braccia. Non ti spaventare, sentirai una piccola puntura sulla gola. Sono i miei denti che graffiano la tua pelle seducente e ne fanno uscire una goccia del rosso liquido che scorre di sotto. Appena una goccia, anima mia, gioia di questi occhi, dolce miele. Eccola, la vedo, è rossa e desiderabile come te. Ora intingo la punta smaniosa della lingua nel rosso nettare che sgorga dall’epidermide trafitta dall’amore. Ooohhh, non posso spiegare come godo mentre faccio passare quella goccia di sangue per tutto il palato e ne trattengo il soave sapore nella bocca il più a lungo possibile. Ecco, le ho fatto varcare le mie fauci ardenti e l’ho fatta mia.
Basta, amore mio, non recherò più nessuna ingiuria alla tua vergine gola. Per me il tuo collo da cigno sarà un santuario inviolabile. Nondimeno, luce delle mie stanche pupille, consentimi di lappare quel rivolo di sangue che ti imbratta la pelle. Ci vorrà un attimo.
Non muoverti, ti imploro, mentre ti lecco il collo, perché un tuo movimento inconsulto potrebbe portarti a immolarti contro le mie zanne eccitate e allora niente mi tratterrebbe dal suggere tutta la tua linfa vitale, mentre godo come un osceno mortale.

1 commento:

  1. Commenti importati7 settembre 2008 17:23

    gnam gnammmm !!! buon appetito! ciao. tali
    postato da tali il 06/09/2006 16:23

    ...l'immagine è suggestiva, le tue parole evocativa ma.... quel rigagnolo di sangue naaaaa nn mi piace io ho paura ;O) Giadadeldeserto
    postato da Giadadeldeserto il 06/09/2006 13:57

    e.mail for you!*
    postato da i. il 06/09/2006 12:29

    ma perchè ce l'hai fatta???sorriso...ora vado a vedere se mi è arrivata... senti pen....ma a te caro amico che dovrei augurare?vediamo allora....ti auguro una giornata tra le tue cose più adorate e buona passeggiata se la fai.... e ti mando un abbraccio .......
    postato da iris il 06/09/2006 12:21

    Ehm, è il momento di una piccola confessione che spero non mi faccia precipitare ulteriormente nella considerazione generale. Questo post è ispirato a una mail che un giorno mandai per gioco a una donzella. Segnatamente ne faceva parte il primo paragrafo (grossomodo le prime sei righe) che qui ho riportato con qualche piccolo cambiamento. Il resto l'ho scritto ora. Ah, la donzella mi mandò serenamente sapete dove, sigh. :-)
    postato da Mio Capitano il 06/09/2006 11:46

    Il Vampiro O tu, che come un coltello sei penetrata nel mio cuore gemente: o tu, che come un branco di demoni, venisti, folle e ornatissima, a fare del mio spirito umiliato il tuo letto e il tuo regno - infame cui sono legato come il forzato alla catena, come il giocatore testardo al gioco, come l'ubbriaco alla bottiglia, come i vermi alla carogna - maledetta, sii tu maledetta! Ho chiesto alla veloce lama di farmi riconquistare la libertà, ho detto al perfido veleno di venire in soccorso della mia vigliaccheria. Ahimè, che il veleno e la lama m'hanno disdegnato, e m'hanno detto: "Tu non sei degno di venir sottratto alla tua maledetta schiavitù, imbecille! Se i nostri sforzi ti liberassero, i tuoi baci risusciterebbero il cadavere del tuo vampiro." C. Baudelaire
    postato da maruzzella il 06/09/2006 11:29

    Molti sono gli usi medicinali attribuiti all'aglio. È stato affermato che può prevenire raffreddori, influenza, tubercolosi, bronchite, foruncoli, tumori e malattie cutanee. Sembra riduca il rischio di malattie cardiache e tumori. All'aglio è attribuita anche la proprietà di rafforzare in modo naturale il sistema immunitario...e soprattutto tiene lontani i vampiri!!! notte conte Vlad:))
    postato da elle il 06/09/2006 01:17

    Ciao, Mio Capitano. Quali saranno mai questi bollenti desideri che ti pervadono? ;) Chissà... Un saluto, Michelle.
    postato da Michelle il 06/09/2006 00:27

    Il dolore è il pegno da pagare per avere tanto amato...si attenuerà con il tempo...io aspetto con fiducia. Caro il mio Capitano siccome sono una gran curiosa aspetto con trepidazione i tuoi futuri post "seriosi" e nel frattempo mi perdo nel desiderio di un bacio sul collo...senza sangue però :-)! ciao e buona giornata barbara
    postato da barbara il 05/09/2006 16:30

    Bello questo post. Anche se ora tirerò fuori dall'armadio tutti i maglioni a collo alto. E ci sono ancora 5438589435834985° F qui!!! :o)
    postato da margot il 05/09/2006 16:03

    Beh, complimenti, che posso dirti di più? Ciao!
    postato da Amfortas il 05/09/2006 14:00

    sono passata solo x avvisarti ke ho cambiato indirizzo al blog... più tardi torno x leggere ;-) un abbraccio...
    postato da endless il 05/09/2006 11:32

    (grazie dei complimenti da me!) hai incarnato molto bene la grande sensualità che accompagna le leggende dei vampiri, e che si sentiva moltissimo nel libro di Bram Stoker. Ecco, forse la cosa che manca nei grandi film classici sui vampiri (Nosferatu, il primo Dracula) in B/N è questo tocco lussurioso ;) ma purtroppo allora la censura non avrebbe fatto passare nulla...
    postato da Colui che vede Oltre il 05/09/2006 11:12

    Notte da Vampiri, Mio Capitano. Anche tu brami i piaceri sensuali della Carne??? E allora, via, in cerca di soavi gole da "baciare". ;) Bacioooo, Michelle
    postato da Michelle il 05/09/2006 02:19

    Notte di luna piena...forse è meglio chiudere le finestre e, come suggerisce elle, tenere a portata di mano una bella collana di aglio... Non si sa mai!! Ciao Mio Capitano, sono tornata al chiodo!!! 'Notte
    postato da Mary il 05/09/2006 00:21

    aglio-aglio, ma dov'è l'aglio??!!...ecco,trovato... notte vampiro!
    postato da elle il 04/09/2006 23:39

    RispondiElimina